Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca Sarno

Sarno, ritardano la cura del paziente e volano botte in ambulanza: condannati in tre

Il fatto risale al 2010, quando tre componenti di una famiglia di Sarno aggredirono e insultarono un medico e un'infermiera in servizio, intervenute con l'ambulanza per soccorrere la moglie di uno dei tre. Il giudice li ha condannati a 5 mesi ciascuno

Aggredirono e picchiarono personale medico sopra un'ambulanza: tre componenti di una famiglia condannati a 5 mesi di reclusione ciascuno, con pena sospesa. La vicenda sulla quale si è pronunciato il giudice monocratico di Nocera Inferiore risale al 3 giugno 2010, nel comune di Sarno. A.E. , A.E. e M.S. aggredirono e insultarono un medico e un'infermiera in servizio su di un'ambulanza. Bisognava intervenire su un paziente, che aveva perso i sensi. La gestione ritenuta "superficiale" dagli imputati generò invece un gran caos, proprio durante le operazioni di soccorso. Uno dei tre urlò alla dottoressa: «Stai andando al matrimonio, come ti sei laureata, te la sei comprata? Ti devo fare un cu.. così».  Il paziente era una donna, moglie di uno dei tre imputati, soccorsa per un codice rosso e affetta da una malattia terminale

L'intervento dei due professionisti fu ostacolato dalla violenza incontrollata dei tre, invece. Il medico fu preso per i capelli e non potè utilizzare il defibrillatore, che si trovava nella parte posteriore dell'ambulanza. Un'altra delle persone di quella famiglia coinvolte urlò: «Ti deve venire un male, rianimala, muoviti, dove sta il defibrillatore, so chi sei, sei la moglie di.. vengo a prenderti a casa». Le donne dovettero farsi refertare proprio in ospedale, con lesioni riportate e che furono giudicate guaribili in 24 ore. La paziente invece morì. Il tribunale, al termine del dibattimento, ha condannato i tre a cinque mesi di reclusione, decretando la sospensione della pena. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sarno, ritardano la cura del paziente e volano botte in ambulanza: condannati in tre

SalernoToday è in caricamento