Sarno, litigio tra lavavetri, poi le coltellate e l'omicidio: straniero condannato a 12 anni

La sentenza è giunta in abbreviato, dal gup. L'imputato è un marocchino di 27 anni, residente a Sarno. I fatti commessi a Napoli nel 2019

E' stato condannato a 12 anni e 3 mesi per l'omicidio di “ Zico da Algeri ”: un lavavetri senza fissa dimora che lavorava a Napoli. La sentenza è giunta in abbreviato, dal gup. L'imputato è un marocchino di 27 anni, residente a Sarno. La procura aveva chiesto 21 anni di carcere, mentre la difesa, rappresentata dal legale Gerardo Cembalo, aveva avanzato richiesta di legittima difesa o di eccesso di difesa. 

La storia

L'omicidio si consumò nel contesto dei lavoratori abusivi in qualità di lavaetri, sul lungomare di Napoli, nel gennaio del 2019. L'imputato era giunto da Sarno a Napoli per lavorare. Intorno alle 17, vi furono le prime discussioni con altri senza dimora che pure svolgevano quello stesso lavoro per tirare a campare. Alle ore 19, più o meno, giunse anche la vittima, insieme ad altre due persone. L'imputato durante l'interrogatorio raccontò di aver raccolto borsa e fazzolettini, insieme agli attrezzi da lavoro, per andare a piazza Garibaldi e tornare a Sarno, con un bus. Poco prima, l'uomo aveva avuto una colluttazione con la vittima. Alla procura spiegò che in una delle birre che aveva bevuto, era stata inserita una sostanza che lo aveva stordito e fatto perdere i sensi, come il metadone. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'aggressione

La vittima fu colpita con quattro coltellate, mentre l'imputato spiegò di aver sferrato solo un colpo, con un'arma che portava nel suo borsone e che aveva poi lasciato a terra, poco prima della fuga. Quando fu trasferito in carcere, seppe che la vittima era morta. L'aggressione - stando alle indagini - sarebbe avvenuta per il fatto che il marocchino residente a Sarno aveva guadagnato più soldi quel giorno, rispetto ad altri. L'imputato si sarebbe difeso da altre persone per proteggere quei soldi, nascosti nella custodia del telefonino. Le motivazioni saranno depositate entro i tempi previsti dalla legge

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, nuova ordinanza della Regione Campania: confermate le restrizioni

  • Campania: dietrofront sulla scuola, non riaprono neppure le elementari

  • Covid-19: torna l'autocertificazione in Campania, all'orizzonte un nuovo decreto di Conte

  • Superenalotto, la Dea bendata bacia Salerno: vinti 25mila euro

  • Covid-19: il coprifuoco inizia venerdì, De Luca denuncia la mancanza di personale sanitario

  • Ordinanza anti-Covid di De Luca, i commercianti bloccano via Roma: "Il sindaco scenda dal Comune"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento