menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Occupò casa abusivamente, nel litigio uccise il proprietario: condannato giovane di Sarno

La Cassazione ha reso definitiva la condanna per un ragazzo di Sarno, già giudicato colpevole in primo e in secondo grado, per omicidio preterintenzionale

Aveva ucciso un extracomunitario a Pomezia, nel Lazio. Ora è arrivata la condanna definitiva per un 24enne sarnese, V.B. L'accusa era di omicidio preterintenzionale, la vittima Abdellaziz Fatkhani, marocchino morto in ospedale nell'agosto del 2016 per le ferite riportate dopo una colluttazione per l’occupazione di una casa abusiva. L'uomo fu colpito con un oggetto in metallo.

La storia

In primo grado, l'imputato era stato condannato a 10 anni con rito abbreviato e per l'accusa di omicidio volontario. Stando alle indagini, i carabinieri quel giorno erano intervenuti per una rissa in corso in alcune palazzine popolari. La vittima fu vista mentre, con in mano un'accetta, inseguiva un giovane. Alal vista dei militari si fermò per poi essere colpito da uno sgabello in metallo lanciato da un ragazzo. La Procura ricostruì che l'imputato, insieme alla convivente, quel giorno aveva occupato senza titolo un appartamento, dove viveva la famiglia della vittima. Che aveva tentato di far sloggiare i due. Da lì scoppiò un'aggressione reciproca tra i due, fino al tragico epilogo. L'imputato aveva spiegato di aver agito per legittima difesa e in secondo grado ottenne una riqualificazione del reato, in preterintenzionale, con una riduzione anche della conndna. Ora la Cassazione ha dichiarato inammissibile un secondo ricorso della difesa, rendendo la pena definitiva. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento