Viola la sorveglianza speciale e non si presenta per la firma alla polizia, a giudizio

La contestazione gli imputa la recidiva reiterata entro il limite dei cinque anni, con i fatti contestati compresi nel periodo dal 15 dicembre scorso fino al 24 febbraio scorso

Rischia il processo con rito immediato per l’accusa di violazione della sorveglianza speciale il 31enne sarnese A.N.P. , già noto alle forze dell’ordine attualmente sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari. Secondo le indagini, l'uomo, sottoposto alla misura di prevenzione con obbligo di soggiorno nel comune di residenza per cinque anni, emessa nel 2010, con un aggravamento risalente al ventotto giugno 2018, con entrambi i provvedimenti emessi dal Tribunale di Salerno, sezione misure di prevenzione, avrebbe violato le prescrizioni non presentandosi agli uffici del commissariato, sottraendosi così all’obbligo di firma previsto.

Le accuse

La contestazione gli imputa la recidiva reiterata entro il limite dei cinque anni, con i fatti contestati compresi nel periodo dal 15 dicembre scorso fino al 24 febbraio scorso, data di esecuzione dell’ultima misura cautelare. La richiesta di processo con rito immediato, basata sull’evidenza della prova raccolta, finirà all’attenzione del gip per la valutazione. La personalità dell’imputato, volto noto alle forze dell’ordine, mette infila reati contestati con sentenze passate in giudicato fin dal 2008, relativi a pendenze con la giustizia minorile.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Campania, parte la zona gialla "rinforzata": ecco cosa si potrà fare (e cosa no)

  • Nuovo Dpcm e zona gialla per la Campania: ecco le nuove regole da rispettare

  • Nuovo Dpcm 15 gennaio: ecco cosa dovrebbe cambiare anche in Campania, nelle zone gialle riaprono i musei

  • In Campania il numero dei vaccinati è maggiore dei vaccini arrivati: la Regione si affretta a chiarire

  • Strada ghiacciata, incidente a catena in autostrada a Pontecagnano: quattro i feriti

  • Vaccino ad amici e parenti, indaga la Procura di Salerno: intervengono i Nas

Torna su
SalernoToday è in caricamento