Cronaca

Scafati, denunciato operatore Acse: raccoglieva rifiuti privatamente

L'indagine è stata condotta dalla polizia municipale, dopo una serie di segnalazioni fatte dalla società

Raccoglieva rifiuti indifferenziati presso aziende con il furgoncino aziendale, denunciato a piede libero un 60enne operatore Acse, impiegato alla raccolta differenziata dei rifiuti. L'indagine è stata condotta dalla polizia municipale, dopo una serie di segnalazioni fatte dalla società. L'uomo è stato beccato mentre scaricava  illecitamente un carico di rifiuti indifferenziati presso il sito di stoccaggio provvisorio di via Casciello. Sull'uomo vi erano diversi sospetti in passato. Da lì, attraverso verifiche e l'uso di un investigatore privato, con tanto di filmati, i vigili hanno raccolto materiale per cogliere sul fatto l'uomo. Giorni fa, hanno constatato che l'operatore s irecasse in un'azienda in via Lo Porto e poi in una seconda in via via Longole, per caricare sul suo mezzo rifiuti misti, tra cui dei sacchi neri. 

L'indagine e la nota dell'azienda

Con il carico si recava poi presso il deposito degli automezzi in via Casciello, dove c'è l'area di stoccaggio provvisorio della frazione organica, e in essa conferiva, violando la legge, il resto del materiale raccolto in precedenza. L'uomo è stato formalmente denunciato alla procura di Nocera Inferiore. Pur negando interessi economici, l'operatore avrebbe riferito di agire solo per facilitarsi il lavoro. L'attività prosegue ora per comprendere se esistano altri casi come il suo, che tra l'altro furono già accertati in passato nei confronti di altri dipendenti. “L’azione è stata svolta a seguito di una verifica sulla regolarità della raccolta da parte dei lavoratori dipendenti - spiega il responsabile dell'azienda Daniele Meriani - dai controlli sono emerse irregolarità che ci hanno spinto a chiedere l’intervento della Polizia Municipale”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scafati, denunciato operatore Acse: raccoglieva rifiuti privatamente

SalernoToday è in caricamento