Minacce e aggressione tra parenti per gestire ditta, in 3 a processo a Scafati

L’episodio avvenne il 21 novembre 2017 a Scafati. Il processo si celebrerà davanti al giudice del Tribunale monocratico, con la prima udienza fissata per il prossimo 28 settembre

Finiscono a processo dopo una contesa violenta consumata per gestire l’attività di famiglia, tre persone, originarie di San Marzano sul Sarno, chiamate a rispondere in concorso di lesioni per aver pestato una quarta persona, parente di uno del gruppo, rimasto ferito a causa di un trauma cranico ed escoriazioni sul resto del corpo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il fatto

L’episodio avvenne il 21 novembre 2017 a Scafati. Il processo si celebrerà davanti al giudice del Tribunale monocratico, con la prima udienza fissata per il prossimo 28 settembre. I tre sono stati raggiunti dal decreto di citazione diretta a giudizio. Rispondono anche di minacce, per aver rivolto parole pesanti ad altri due componenti della stessa famiglia. In questa circostanza, datata 1 febbraio 2017, due dei tre imputati, si sarebbero rivolti ad altri due componenti della famiglia per costringerli ad abbandonare l'attività, mettendoli in condizione di allontanarsi dai magazzini di loro proprietà, e a non utilizzare i beni appartenenti alla società di cui uno dei due era legittimo legale rappresentante. Quest’ultimo era poi diventato il denunciante formale della faccenda, con il racconto dei fatti reso ai carabinieri, con una prima fase e le successive integrazioni rese mano a mano che la vicenda si complicava e si arricchiva di altri dettagli, completando il quadro investigativo. Di mezzo c’era l’attività di famiglia, divenuta oggetto di contesa e situazione su cui si era animata la discussione, tra minacce e intimidazioni concentrate nel cancellare ogni forma di rispetto, trasformando tutto in una rivendicazione, poi finita a botte. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, nuova ordinanza della Regione Campania: confermate le restrizioni

  • Campania: dietrofront sulla scuola, non riaprono neppure le elementari

  • Covid-19: torna l'autocertificazione in Campania, all'orizzonte un nuovo decreto di Conte

  • Superenalotto, la Dea bendata bacia Salerno: vinti 25mila euro

  • Covid-19: il coprifuoco inizia venerdì, De Luca denuncia la mancanza di personale sanitario

  • Ordinanza anti-Covid di De Luca, i commercianti bloccano via Roma: "Il sindaco scenda dal Comune"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento