menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fallimento delle aziende di famiglia, Riesame conferme le accuse per tre scafatesi

La Guardia di Finanza aveva eseguito anche un sequestro per equivalente di tutti i beni mobili e immobili a loro riconducibili per un valore complessivo di oltre 2 milioni di euro complessivi, su cinque milioni di patrimonio di famiglia

Anche il Tribunale del Riesame ha confermato le accuse per le tre persone indagate per bancarotta fraudolenta e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte raggiunti dall’obbligo di dimora per la gestione di due società. Le misure, per loro, erano del divieto di esercizio dell'attività d'impresa e la possibilità di ricoprire qualsiasi incarico direttivo per otto mesi. La Guardia di Finanza aveva eseguito nella fase decisiva dell’inchiesta un sequestro per equivalente di tutti i beni mobili e immobili a loro riconducibili per un valore complessivo di oltre 2 milioni di euro complessivi, su cinque milioni di patrimonio di famiglia. Le attività investigative avevano seguito i movimenti finanziari ed economici, per le verifiche partite dalle annualità del biennio 2014-2015, con la bancarotta del 2016 e le contestazioni su condotte portate avanti per eludere i creditori e spostare gli asset delle nuove società fondate nel Beneventano. Le indagini dei finanzieri di Scafati avevano fatto poi luce sui fallimenti - dichiarati nel 2016 e nel 2017 - delle due società scafatesi - con base anche nell’area ex Copmes - dedite alla produzione e commercializzazione di articoli di cartotecnica, con le distrazioni contestate dei beni aziendali e i passaggi di beni e capitali realizzati in modo da non consentire una esatta ricostruzione, facendo infine sparire quanto presente per le dovute remissioni e saldi ai creditori.

Le accuse

Il lavoro dei finanzieri aveva portato avanti la ricomposizione e la ricostruzione di una fitta rete di rapporti, formalmente e giuridicamente distinti, tra diverse società riconducibili a un unico nucleo familiare. I tre, ma ci sono almeno altre due persone indagate, avrebbero in particolare distratto gli asset di imprese, poi dichiarate fallite, causandone il dissesto, sottraendo i beni aziendali alle procedure di riscossione coattiva dei crediti erariali. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento