Cronaca

Scafati, incentivi ai dipendenti comunali: aperta indagine

Secondo i giudici della Corte dei Conti, alla selettività si sarebbe preferita una ripartizione a pioggia. I compensi, in questo caso, sarebbero andati a dipendenti che avrebbero svolto compiti ordinari

Dopo che la Corte dei Conti aveva ravvisato un danno erariale per le casse del comune di Scafati, legato al "Progetto Obiettivo" per i compensi e incentivi per i dipendenti comunali, ora anche la procura di Nocera Inferiore ha aperto un'indagine. I carabinieri hanno acquisito diversa documentazione con l'ipotesi di reato di abuso d'ufficio e appropriazione indebita.

L'indagine

Siamo tra il 2008 e il 2009, con gli incentivi destinati a dipendenti ma non per lavoro svolto, ma per incrementare la propria retribuzione. Secondo i giudici della Corte dei Conti, alla selettività si sarebbe preferita una ripartizione a pioggia. I compensi, in questo caso, sarebbero andati a dipendenti che avrebbero svolto compiti ordinari. Soldi determinati dalla delibera di giunta del 20 ottobre 2010, con il quale il Comune costituì il fondo incentivante. Le erogazioni sarebbero finite a chi avrebbe svolto mansioni differenti da quelle previste, senza un'elaborazione dei risultati e verifica di quanto raggiunto da ogni singolo dipendente. Alcuni di quelli condannati al momento, a risarcire dopo il primo grado, hanno presentato appello. Come l'ex sindaco Pasquale Aliberti, che insieme alla giunta, dovrà versare 13mila euro in totale per il danno erariale riscontrato dopo il primo grado di giudizio. Tra le persone riconosciute colpevoli di aver provocato un danno alle casse dell'ente, anche dirigenti comunali 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scafati, incentivi ai dipendenti comunali: aperta indagine

SalernoToday è in caricamento