Droga dall'Albania a Scafati, arrivano le prime sentenze

Droga dall'Albania nelle province di Napoli e Salerno: quattro condanne ed un'assoluzione. Questa la decisione del gup del tribunale di Salerno, al termine del rito abbreviato, per alcuni dei coinvolti in una maxi operazione antidroga

Droga dall'Albania nelle province di Napoli e Salerno: quattro condanne ed un'assoluzione. Questa la decisione del gup del tribunale di Salerno, ieri, al termine del rito abbreviato, per alcuni dei coinvolti in una maxi operazione antidroga condotta dalla Mobile di Napoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le condanne

Il gup ha assolto V.A. , scafatese di 27 anni residente a Boscoreale, considerato a capo di una piazza di spaccio nel quartiere Piano Napoli. Mentre ha condannato ad 1 anno e 6 mesi P.G. , di Oristano, e F.F. di Ottaviano. Due anni e dieci mesi per il napoletano M.P. , un anno per M.A. , pugliese e 1 anno e 4 mesi per D.G. , di Napoli. Ventuno erano gli indagati, con molte posizioni stralciate per il diverso iter giudiziario scelto dai rispettivi avvocati. L’attività investigativa coordinata dalla Dda di Salerno, aveva permesso di individuare un canale di approvvigionamento di droga e le dinamiche relative alla gestione dello spaccio sul territorio di Scafati e zone limitrofe. L’indagine, partita dalla disamina di alcuni episodi verificatosi sul territorio della provincia napoletana, consentì alla Mobile di Napoli di individuare un profilo che avrebbe fatto da riferimento ad un’organizzazione dedita al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, attiva stabilmente sul territorio di Scafati e territori contigui. Nel corso delle indagini fu individuata anche la fonte di approvvigionamento dello stupefacente, ovvero l’Albania, per il tramite una fitta rete di narcotrafficanti di quello Stato. Numerosi furono gli episodi di spaccio monitorati e le trattative, anche di carattere internazionale, poste sotto la lente di ingrandimento, tali da porre la cellula di Scafati in una posizione da attirare anche clienti dal territorio napoletano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: sospesa la scuola fino al 30 ottobre, chiusi i circoli e stop all'asporto dopo le 21 e alle feste

  • Covid, nuova ordinanza della Regione Campania: confermate le restrizioni

  • Grande attesa a Fisciano, apre il Parco Commerciale "Le Cinque Porte"

  • Allerta meteo in Campania, i sindaci salernitani chiudono le scuole: ecco i comuni

  • Mini-lockdown in Campania: pubblicata l'ordinanza, De Luca frena le attività e chiude le scuole

  • Covid-19: il coprifuoco inizia venerdì, De Luca denuncia la mancanza di personale sanitario

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento