Federica Buono candidata al consiglio comunale a Scafati: "Miglioriamo insieme la nostra città"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Si definisce determinata e ambiziosa, ma anche disponibile al confronto. La sua candidatura nasce dalla volontà di "migliorare le cose, piuttosto che cambiarle". Un motto che caratterizzerà la sua campagna elettorale, nella città di Scafati: "Cambiare, per come la intendo, equivale a rinnegare le origini e la storia. E secondo me non è giusto, è molto meglio migliorarle le cose". Lei è Federica Buono, candidata a Scafati nella lista di Forza Italia, a sostegno del candidato sindaco Antonio Fogliame. Laureata in legge alla "Luiss Guido Carli", Federica ha 29 anni ed è specializzata in diritto penale. Le sue ambizioni di carriera l'hanno portata, per anni, lontana dalla sua città, nella capitale per la precisione, dove sta concludendo un master in diritto penale per poi preparare il suo ingresso nel mondo dell'avvocatura. "Mi piace imparare e trarre il meglio da ogni situazione o esperienza. Il rispetto e l'educazione sono i pilastri più importanti della vita. Credo in me stessa - aggiunge Federica - e mi assumo le responsabilità di ciò che faccio. Se sbaglio, imparo". E sulla sua scelta di impegnarsi in politica precisa: "Non ho scelto il partito, penso che la fede politica nasca in te da sempre, un pò come il carattere di ognuno di noi. Possiamo migliorarlo, ma non cambiarlo. A me piace mettermi in gioco e sfidare me stessa, ogni giorno. Non ho paura dei rischi e questa opportunità, per me, arriva nel momento giusto"

Scafati è una città impegnativa. Un territorio difficile, che si prepara ad uscire da un lungo commissariamento, senza una rappresentanza popolare. "Dopo anni lontana da Scafati - dice Federica - devo dire che il rientro non è stato dei migliori. Mi sono ritrovata in una realtà completamente differente da come la ricordavo. Una città sporca, intasata dal traffico e soprattuto pericolosa. Con chiunque parli, mi viene detto che è meglio andare via, in un posto migliore. Queste parole fanno male al cuore, perchè il nostro territorio può offrire tanto. Bisogna riportarlo alla vita. Io vengo dalla periferia, la rappresento e voglio che tra quest'ultima e il centro ci sia un collegamento, ci siano servizi e maggiore controllo. Tutti devono sentirsi parte integrante della città e non considerarsi come qualcosa di secondario". A chi invece le chiede il perchè un cittadino debba votare per lei, piuttosto che un altro, Federica risponde sicura: "Mi auguro che la gente mi sostenga in primis per l'impegno, che assicuro di metterci, ma poi anche per la mia idea di città. Voglio una Scafati dove i giovani possano svagarsi, andare in villa, trascorrere del tempo in posti che possano rappresentare un luogo di aggregazione. Vorrei le strade piene di gente, come le ricordo io da bambina. Una città sicura e vivibile, perchè già questa sarebbe una rivoluzione e una risposta a chi, invece, crede di dover andar via. Il cittadino deve essere ascoltato. E' un suo diritto quando esprime un voto o una preferenza. Io ascolterò tutti, perchè solo così si cresce e si migliora insieme, nell'interesse di tutti. Far ritornare grande Scafati è la nostra missione, non solo quella dellasottoscritta"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento