Scafati, da usurai a vittime della violenza del figlio: 40enne a processo

L'uomo è finito ora a processo per estorsione e maltrattamenti, questa volta, non verso le sue vittime, ma verso i familiari. Gli stessi che erano accusati di usura, come lui, in una precedente inchiesta

E’ accusato di estorsione, lesioni e violazione di domicilio uno scafatese di 40 anni, R.P. , con precedenti, coinvolto in precedenza e giudicato per una maxi indagine per usura in concorso con i suoi familiari. L'uomo è finito ora a processo per estorsione e maltrattamenti, questa volta, non verso le sue vittime, ma verso i familiari. Gli stessi che erano accusati di usura, come lui, in una precedente inchiesta. 

Le accuse

L'uomo avrebbe costretto la madre e la nonna, oltre al fratello, a consegnargli continuamente somme di denaro da 20 a 100 euro, ricorrendo a minacce e violenza, danneggiando l’abitazione, rompendo vasi e spaccando finestre, in un periodo compreso dal marzo 2016 al febbraio 2017, «con l’aggravante dell’abuso di relazioni domestiche». Ancora, per essersi recato di notte presso la casa di famiglia, dove vivevano mamma e nonna, pretendendo di entrare e minacciando di rompere tutto. Le donne subirono anche un'aggressione, così come il fratello. Ancora, l’accusa ultima riguarda le lesioni provocate alla madre, finita per terra dopo essere stata percossa, con un trauma cranico e dorso-lombare per cinque giorni di prognosi: l’episodio avvenne durante il tentativo del 40enne di forzare l’ingresso, con la sua reazione di fronte alle resistenze trovate. Alcuni mesi fa, il gruppo era stato giudicato in Corte d'Appello, con sconti di pena rispetto al primo grado. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'inchiesta per usura

Secondo le accuse della procura, il gruppo aveva prestato soldi a commercianti e persone in condizioni di bisogno, facendo ricorso alla violenza e alle minacce, praticando tassi usurai. L’indagine si svolse in sei mesi, dal giugno 2017, quando si presentò una vittima, la prima, alla polizia giudiziaria, pronta a raccontare quanto stava subendo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, ad Avellino spunta anche il virus di "Festa": il sindaco tra gli assembramenti incita la movida contro Salerno

  • Va in Brasile per far visita alla figlia e non riesce più a tornare: l'appello di un salernitano alle istituzioni

  • Assembramenti e cori contro Salerno, Selvaggia Lucarelli: "Ad Avellino i lanciafiamme di De Luca"

  • "C'è una bomba a Fratte": strade chiuse al traffico e artificieri all'opera, ma è un falso allarme

  • Incidente a Pontecagnano, morte cerebrale per il 37enne

  • Scomparso dal 1° giugno insieme ad un'amica: Emanuele sta bene

Torna su
SalernoToday è in caricamento