Scafati, da usurai a vittime della violenza del figlio: 40enne a processo

L'uomo è finito ora a processo per estorsione e maltrattamenti, questa volta, non verso le sue vittime, ma verso i familiari. Gli stessi che erano accusati di usura, come lui, in una precedente inchiesta

E’ accusato di estorsione, lesioni e violazione di domicilio uno scafatese di 40 anni, R.P. , con precedenti, coinvolto in precedenza e giudicato per una maxi indagine per usura in concorso con i suoi familiari. L'uomo è finito ora a processo per estorsione e maltrattamenti, questa volta, non verso le sue vittime, ma verso i familiari. Gli stessi che erano accusati di usura, come lui, in una precedente inchiesta. 

Le accuse

L'uomo avrebbe costretto la madre e la nonna, oltre al fratello, a consegnargli continuamente somme di denaro da 20 a 100 euro, ricorrendo a minacce e violenza, danneggiando l’abitazione, rompendo vasi e spaccando finestre, in un periodo compreso dal marzo 2016 al febbraio 2017, «con l’aggravante dell’abuso di relazioni domestiche». Ancora, per essersi recato di notte presso la casa di famiglia, dove vivevano mamma e nonna, pretendendo di entrare e minacciando di rompere tutto. Le donne subirono anche un'aggressione, così come il fratello. Ancora, l’accusa ultima riguarda le lesioni provocate alla madre, finita per terra dopo essere stata percossa, con un trauma cranico e dorso-lombare per cinque giorni di prognosi: l’episodio avvenne durante il tentativo del 40enne di forzare l’ingresso, con la sua reazione di fronte alle resistenze trovate. Alcuni mesi fa, il gruppo era stato giudicato in Corte d'Appello, con sconti di pena rispetto al primo grado. 

L'inchiesta per usura

Secondo le accuse della procura, il gruppo aveva prestato soldi a commercianti e persone in condizioni di bisogno, facendo ricorso alla violenza e alle minacce, praticando tassi usurai. L’indagine si svolse in sei mesi, dal giugno 2017, quando si presentò una vittima, la prima, alla polizia giudiziaria, pronta a raccontare quanto stava subendo. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma tra le due Nocera, giovane geometra si toglie la vita

  • Incidente mortale a Baronissi, il ragazzo che guidava interrogato dal gip: "Non ricordo nulla"

  • Via Pietro del Pezzo: rissa in pizzeria, intervengono i carabinieri

  • Eboli, sequestrata una macelleria: il proprietario tenta di aggredire i carabinieri

  • Delitto di Baronissi, l'imputato "cosciente ma con disturbi della personalità"

  • Allaccio abusivo all'energia elettrica: torna libero il titolare del "Giardino degli Dei"

Torna su
SalernoToday è in caricamento