rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca Scafati

Estorsione aggravata, condanna definitiva per un giovane di Scafati

La pena era stata di 6 anni e 2 mesi. La Cassazione ha respinto il suo ricorso, perchè proposto personalmente dall'imputato

Ricorso respinto e condanna confermata dalla Cassazione per un 29enne di Scafati, condannato per estorsione aggravata dal metodo mafioso, consumata a Scafati tra l'ottobre ed il dicembre del 2017. La pena era stata di 6 anni e 2 mesi. 

Il ricorso

Il ricorso in Cassazione individuava una presunta violazione di legge e un possibile vizio di motivazione, perché «a fronte dell'obbligo del giudice di motivare i provvedimenti giurisdizionali dando conto del procedimento logico che ha condotto alla decisione, la sentenza della Corte di appello di Salerno risulta a suo avviso superficiale adagiandosi sulla confessione intervenuta per alcuni dei fatti», senza esaminare altri rilievi difensivi. Inoltre, il ricorso metteva in discussione la conta della pena e il suo calcolo, individuando «violazione di legge e omessa motivazione con riferimento al diniego delle attenuanti generiche, senza il riconoscimento in sede di valutazione e senza alcuna motivazione, pur avendo dato atto della giovane età e della incensuratezza dell'imputato, ai fini della mitigazione della pena senza, peraltro, alcuna ulteriore precisazione». Il ricorso è stato ritenuto inammissibile. Lo scafatese, infatti, non poteva farlo perché la legge «esclude la facoltà dell'imputato di proporre personalmente ricorso per Cassazione che, a pena di inammissibilità, deve essere in ogni caso sottoscritto da un difensore iscritto nell'albo speciale della difensori abilitati a patrocinare di fronte alla Corte di Cassazione, non essendo a tal fine sufficiente l'autentica della sottoscrizione del ricorso da parte del difensore». 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Estorsione aggravata, condanna definitiva per un giovane di Scafati

SalernoToday è in caricamento