menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scafati, costringe la madre a mangiare fuori al balcone poi l'estorsione: rischia il processo

Accuse di maltrattamenti e lesioni vengono contestate ad un 48enne scafatese, finito nei guai per le botte alla madre, 83 anni, non in grado di difendersi dalle angherie dell’uomo

Persecuzioni e torture alla mamma. Estorcendole più di 38mila euro. Accuse di maltrattamenti e lesioni vengono contestate ad un 48enne scafatese, finito nei guai per le botte alla madre, 83 anni, non in grado di difendersi dalle angherie dell’uomo, raggiunto dalla richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla Procura di Nocera.

Le accuse

Nel periodo compreso tra la primavera e l’estate del 2018, l’uomo è chiamato a rispondere d’una lunga serie di vessazioni, con la madre convivente  ridotta alle sue folli disposizioni, agli oltraggi e alle botte. Più volte l’uomo l’avrebbe pestata, con schiaffi al volto e tirate di capelli «con cui la trascinava per la cucina, giungendo a rovesciarle l’acqua fredda addosso, e in un’occasione, a girarle la mano in modo da non farle usare il telefono fisso, così facendola cadere a terra e cagionandole lesioni personali, con trauma contusivo alla mano destra e al ginocchio sinistro, guaribili in sette giorni dopo prognosi riportata dall’ospedale». L’uomo la ingiuriava di continuo, minacciandola, chiudendosi in cucina e lasciando la donna fuori, facendola mangiare all’esterno, fuori al balcone, «fino a toglierle il cibo lasciandola senza mangiare e in un’occasione arrivando a sputarla in faccia», per poi staccare il telefono fisso dell’abitazione e nel romperle il cellulare. Inoltre, il figlio la costringeva a «disporre bonifici bancari e prelievi in suo favore per la somma complessiva di 38.300 euro, così procurandosi un ingiusto profitto». Allo stato l’imputato risponde di maltrattamenti e lesioni commesse nei confronti dell’anziana donna e di estorsione aggravata, per aver eseguito a più riprese le sue angherie e le sue pretese di denaro. Fino alla denuncia della vittima: l’iter giudiziario è ora concluso, con la richiesta di rinvio a giudizio e l’attesa per la fissazione dell’udienza preliminare. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento