rotate-mobile
Cronaca Scafati

Martellate alla sorella, vittima morì dopo quattro mesi: il fratello rischia accusa di omicidio

I nodi potranno essere sciolti in udienza, a ottobre, dinanzi al gip dove si sta celebrando il rito abbreviato per l'imputato

L'uomo che prese a martellate in testa la sorella rischia un processo per omicidio volontario. Allo stato, è sotto immediato per tentato omicidio. La Procura, ad ottobre, quando il gip sentirà il perito che dovrà stabilire se l'uomo fosse capace di intendere e di volere quel giorno di marzo, potrebbe chiedere la riqualificazione dell'accusa. La donna infatti, morì i primi di agosto, dopo quattro mesi di ricovero.

L'indagine

Era finita nel sangue la discussione tra fratello e sorella: alla base futili motivi. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, il 60enne colpì la sorella al culmine di una lite con un martello alla testa. La vittima fu trasferita subito in ospedale. Dopo un leggero miglioramento, la situazione precipitò fino alla morte, agli inizi di agosto. Secondo la cognata della vittima, tuttavia, in una denuncia viene ipotizzata negligenza medica. La donna infatti sarebbe morta a causa di un'infezione presa in ospedale e non per i colpi in testa sferrati dal fratello. I nodi potranno essere sciolti in udienza, a ottobre. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Martellate alla sorella, vittima morì dopo quattro mesi: il fratello rischia accusa di omicidio

SalernoToday è in caricamento