menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Permessi di soggiorno a stranieri irregolari, indagine prescritta tra Agro e napoletano

L’inchiesta coinvolse 29 persone, con tre persone ritenuti promotori e stralciati dal procedimento principale

Erano accusati di aver falsificato documenti per consentire la permanenza di cittadini stranieri ed irregolari in Italia, ma a distanza di quasi 10 anni dai fatti, il tribunale di Nocera Inferiore decreta sentenza di prescrizione per tre persone. Gli imputati erano un 37enne di Scafati, un 53enne di Striano ed un marocchino, di 40 anni.

L'indagine

Stando alle accuse, lo straniero avrebbe avuto il compito di individuare i suoi connazionali che avevano bisogno di un permesso di soggiorno. L’inchiesta coinvolse 29 persone, con i tre ritenuti promotori e stralciati dal procedimento principale. I fatti risalgono al 2009, tra Scafati, San Valentino e Striano. I primi controlli partirono da un’intercettazione telefonica, dove alcuni dei coinvolti discutevano di una pratica falsa da chiudere per un extracomunitario, dietro pagamento di 2000 euro. L’accusa principale era quella di falso ideologico: più volte funzionari della Questura sarebbero stati indotti in errore, su istanze che attestavano la regolarizzazione di extracomunitari attraverso lo svolgimento di lavori e dunque, del possesso dei requisiti di legge. Lavori che, per la procura, invece, non erano mai stati eseguiti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

social

Dopo il "Zitt!" arriva la festa anche per Raffaele il Vikingo

social

Salerno: apre "Osteria di Pescheria", "Pizzicorio" diventa anche bar

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento