Cronaca Scafati

Scambio politico-mafioso, Aliberti e la richiesta di condanna: "Vicenda merita silenzio e vicinanza"

Il sindaco di Scafati ribadisce la sua totale innocenza ed attende la sentenza: "I miei legali anche attraverso atti amministrativi chiari, testimonianze, il racconto di azioni concrete prodotte contro la camorra dimostreranno chi sono realmente"

Si sfoga su Facebook il sindaco di Scafati Pasquale Aliberti dopo che mercoledì, il pm dell’Antimafia ha chiesto per lui una condanna a 6 anni e 8 mesi nell’ambito del processo Sarastra sui presunti rapporti tra la camorra e la politica locale in cambio di voti a appalti. Nel mirino, fra gli altri, anche la moglie Monica Paolino (per lei la richiesta di 5 anni e 4 mesi) e il fratello del primo cittadino Aniello (6 anni e 3 mesi). Aliberti, sul suo profilo social, ripercorre la vicenda giudiziaria e ribadisce la sua totale innocenza. 

Il post del sindaco: 

In queste ore sto cercando di guarire le ferite di quanto ho ascoltato  durante la requisitoria del Pm che ha fatto il suo dovere secondo i suoi convincimenti “pur non conoscendo questo processo” come lui stesso ha affermato. Non ho mai nascosto nulla della vicenda giudiziaria che mi vede imputato, consapevole della mia innocenza. Credo sia giusto dovervi chiarire quanto sta accadendo in queste ore per evitare informazioni diverse da quelle che si prova a far passare.Dopo 10 anni di indagine, la Procura ha chiesto una condanna ma il giudizio finale spetta al giudice solo dopo che saranno ascoltati i miei avvocati, in particolare Sica, Pepe e Cardiello che anche attraverso atti amministrativi chiari, attraverso testimonianze, attraverso il racconto di azioni concrete prodotte contro la camorra qui a Scafati, hanno rappresentato nelle aule giudiziarie chi era l’uomo, il professionista, il medico, il sindaco Pasquale Aliberti. Ho fiducia nella giustizia e sono grato a loro e quanti in queste ore mi stanno dimostrando vicinanza e affetto. Un attestato di stima che arriva da voi cittadini che ormai mi conoscete da decenni e avete consapevolezza del grande amore che ho per questa Città per la quale sacrifico anche la mia vita privata. Ringrazio tutti voi per la sensibilità di comprendere che in questi 10 anni una famiglia, la mia, è stata distrutta ingiustamente e che ci sono due ragazzi che nonostante tutto ci danno la forza per andare avanti. Ci aspetta nei prossimi mesi la requisitoria della difesa...e poi finalmente una sentenza. Nel frattempo lavorerò come ho sempre fatto e come amo fare per la rinascita di Scafati senza indugio e senza distrarmi un secondo dal nostro obiettivo, insieme ad una grande squadra. Scusatemi se alle provocazioni dei miei avversari e nemici resterò in silenzio”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scambio politico-mafioso, Aliberti e la richiesta di condanna: "Vicenda merita silenzio e vicinanza"
SalernoToday è in caricamento