Scafati, cade in strada e si ferisce alla gamba: ok al risarcimento dopo 20 anni

Il Comune di Scafati lo risarcirà con 70mila euro, con la conferma della decisione già assunta dalla Corte d'appello di Salerno e ora ribadita dai giudici della Corte di Cassazione

Era scivolato sul pietrisco in strada, cadendo su dei blocchi di cemento spartitraffico con fuoriuscita di speroni di ferro accuminati. Il Comune di Scafati lo risarcirà con 70mila euro, con la conferma della decisione già assunta dalla Corte d'appello di Salerno e ora ribadita dai giudici della Corte di Cassazione. Dopo aver respinto il  ricorso presentato dal Comune

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La storia

In primo grado, il tribunale di Nocera Inferiore aveva condannato l'Ente a pagare la persona che aveva subito lesioni per l'incidente, ma la vittima aveva fatto ricorso in appello per erronea quantificazione del danno. Era il 13 giugno del 1998 quando si registrò l'incidente. La Corte d'Appello dispose tuttavia una nuova consulenza decidendo con una sentenza il 29 gennaio 2018, stimando il danno con risarcimento di 70.252 euro complessivi di interessi e spese legali. Nel ricorso del Comune, stavolta, era contestata la insufficiente e contradditoria motivazione, oltre ad un danno quantificato in modo erroneo. A seguire, una seconda contestazione riguardava la mancata specifica dell'importo del risarcimento del danno nella domanda originaria, in assenza di valore. La Cassazione ha respinto il ricorso, definendolo inammissibile, per erroneo conferimento della procura speciale, redatta e sottoscritta in modo analogo ai giudizi di merito precedentemente affrontati, senza specificare cioè il carattere di legittimità del vaglio dei giudici della Suprema Corte, come previsto dalla procedura. "Il Comune, rappresentato dai suoi difensori, non avrebbe sollevato alcuna osservazione contraria rispetto agli esiti peritali". Ora la sentenza è diventata esecutiva, con il risarcimento che spetterà all'uomo che oltre 22 anni fa, subì un infortunio su pubblica via. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: tra ieri e oggi 24 nuovi casi nel salernitano, contagio a Campagna

  • Covid-19: schizzano i contagi nel salernitano, i dati sui ricoveri

  • Covid-19: 195 nuovi contagi di cui 21 casi di rientro, coppia positiva a Campagna

  • Covid-19: altri 6 positivi a Pontecagnano, altri 2 contagi a Cava

  • Contagi Covid in aumento, parla De Luca: "Ondata pericolosa in autunno"

  • Covid-19, cinque casi nel comune di Serre. Il sindaco: "Uscite solo se necessario"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento