Scippatore seriale di anziani, due colpi in due giorni a Scafati: rischia il processo

Per i due episodi risponde di furto con strappo. Il gip dovrà valutare gli elementi contestati dall'organo inquirente e decidere se fissare o meno la data per il dibattimento

E' stato individuato e ora rischia il processo, dopo la richiesta di rinvio a giudizio firmata dalla procura di Nocera Inferiore, 53eenne di Torre Annunziata, detenuto per altro presso il carcere di Poggioreale, per due scippi consumati a Scafati, nel giro di appena due giorni. Uno «scippatore seriale», secondo le indagini dei carabinieri. Le date sono il 15 agosto e il 18 agosto del 2017. Nel primo caso, in sella ad una Vespa, l'uomo scippò un 78enne che si trovava sulla sua bicicletta, in Via delle Industrie a Scafati, impossessandosi di una collana con crocifisso in oro giallo, dal valore di circa 300 euro, che gli fu strappata dal collo. Per poi dileguarsi, in direzione di Sant'Antonio Abate. Erano circa le 12,45. Nel secondo caso, quindi dopo soli due giorni, questa volta di sera intorno alle 21,00, sempre in sella ad una Vespa, si avvicinò ad una donna che si trovava presso un bar cornetteria, interno al Centro Plaza di Scafati, in compagnia del figlio, strappandole la borsa. All'interno vi erano documenti, le chiavi di casa, carta per acquisti, effetti personali e qualche euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini

L'uomo gliela strappò dalle mani. Per i due episodi risponde di furto con strappo, con la recidiva reiterata e specifica contestata dalla procura di Nocera Inferiore, al vaglio ora del gip in udienza preliminare, che dovrà valutare gli elementi contestati dall'organo inquirente e decidere se fissare o meno la data per il dibattimento. Nel passato dell'uomo vi sono tuttavia diversi precedenti specifici, commessi per la maggior parte nelle zone del napoletano, come Castellammare e Pompei. Ora gli ultimi episodi, ricostruiti grazie alle denunce delle vittime ai carabinieri, commessi nella provincia di Salerno. Così come per questi ultimi, anche nei casi precedenti le vittime erano sempre donne e anziani. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: sospesa la scuola fino al 30 ottobre, chiusi i circoli e stop all'asporto dopo le 21 e alle feste

  • Covid, nuova ordinanza della Regione Campania: confermate le restrizioni

  • Allerta meteo in Campania, i sindaci salernitani chiudono le scuole: ecco i comuni

  • Campania: dietrofront sulla scuola, non riaprono neppure le elementari

  • Covid-19: il coprifuoco inizia venerdì, De Luca denuncia la mancanza di personale sanitario

  • Mini-lockdown in Campania: pubblicata l'ordinanza, De Luca frena le attività e chiude le scuole

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento