rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca Scafati

Lavora senza mai riposarsi, fa causa per danni: la Cassazione dice no ad ex dipendente

La storia riguarda la posizione di un agente in seno al comando di polizia municipale dal 1999 al 2009, con 7 giorni su 7 di lavoro 

Stress da lavoro, vigile urbano fa causa al comune di Scafati, ma la Cassazione respinge la sua richiesta di risarcimento di danno biologico. La storia riguarda la posizione di un agente in seno al comando di polizia municipale dal 1999 al 2009, con 7 giorni su 7 di lavoro 

La storia

L'uomo voleva vedersi riconoscere un danno di natura non patrimoniale, cosiddetto "biologico" che sussiste quando un soggetto è leso nella propria integrità fisica e psichica. L'uomo avrebbe lavorato per l'intera settimane, senza fruire del riposo. In primo e secondo grado la sua richiesta era stata rigettata, ritenuta infondata in quanto avanzata, da un lato, prescindendo del tutto dalla disciplina contrattuale collettiva che, nell'introdurre una deroga al principio che impone la concessione di un giorno di riposo dopo sei giorni di lavor, remunera la prestazione del personale in turno per l'erogazione di servizi da garantire con continuità già tenendo conto della maggiore penosità della stessa e, dall'altro, giacchè l'ex agente non aveva provato uno specifico danno conseguente a tale modalità di impiego rispetto alla denunciata usura psico-fisica considerata dalla disciplina contrattuale. La Cassazione ha condiviso la pronuncia della Corte d'Appello di Salerno, spiegando che nessun risarcimento può essere richiesto se il danno biologico non viene provato dalla parte ricorrente e se vi è stata compensazione delle prestazioni "straordinarie" effettuate dal dipendente. In questocaso, maggiorazioni o compensi previsti dal contratto collettivo o individuale. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavora senza mai riposarsi, fa causa per danni: la Cassazione dice no ad ex dipendente

SalernoToday è in caricamento