Merce sottratta alle aziende, scafatese si costituisce e fa ritrovare carico rubato

E' finito in carcere uno scafatese di 36 anni, coinvolto in una maxi indagine condotta dalla procura di Verona per associazione per delinquere, finalizzata alla truffa e alla ricettazione

Si è costituito dopo mesi di latitanza e facendo anche ritrovare un carico di merce, precedentemente sottratta, dall'elevato valore economico. E' finito in carcere uno scafatese di 36 anni, coinvolto in una maxi indagine condotta dalla procura di Verona per associazione per delinquere, finalizzata alla truffa e alla ricettazione. La merce destinata alle aziende spariva puntualmente per strada, per poi finire per essere rivenduta sul mercato nero

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La collaborazione

L'uomo, irreperibile dallo scorso novembre e sfuggito ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, agli inizi di luglio si era consegnato alla Polizia stradale di Verona. Poi, aveva fornito al sostituto procuratore competente indicazioni per ritrovare un camion con rimorchio, con all'interno merce dal valore di 80.000 euro. Il sistema, al lavoro con gli stessi metodi individuati in tre diverse operazioni susseguitesi nel tempo da parte della procura di Nocera, mediante raggiri in fotocopia seguiti e ricostruiti da polizia e pg, riproponeva le commesse procacciate con ditte costituite ad hoc, con l’inserimento del nominativo della ditta nell’archivio consultabile attraverso un sito specializzato ed altri relativi al trasporto su strada. Poi c’era la fase del contatto telefonico attraverso siti ed email con l’offerta dei trasporti a prezzi stracciati, concorrenziali sul mercato, supportato da atti falsi relativi alla costituzione della ditta, iscrizione alla camera di commercio, polizze fideiussorie e indicazione di autisti e targhe adoperate nel lavoro. Infine, il gruppo dopo aver ottenuto l’incarico contattava i committenti per trasportare la merce in luoghi prestabiliti, sparendo poi dai controlli delle forze dell’ordine grazie a mezzi rubati e targhe contraffatte. Le accuse contestate comprendono l’associazione a delinquere, il falso, la ricettazione e la truffa, in particolare con decine di casi ricostruiti passo per passo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Torrione: donna si sente male sulla spiaggia e muore

  • Covid-19: salgono i contagi a Salerno e provincia, muore un paziente. L'appello di Polichetti (Fials)

  • Dramma a Casal Velino: anziano esce dal mare e muore sulla spiaggia

  • Covid-19, sono 41 i contagiati a Salerno: terzo caso in poche ore

  • Coronavirus: due nuovi casi positivi a Salerno e uno a Scafati

  • Covid-19, positivo un 16enne a Salerno: 32 casi nel Cilento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento