"Mi abbasso i pantaloni, sali in auto": atti osceni davanti a scuole e parchi, scarcerato

Ora ad attenderlo ci sarà il processo in cui dovrà difendersi dalle accuse confermate ieri dalla madre di una delle ragazzine

E' stato scarcerato E.V., il 30enne originario dei picentini accusato di atti osceni: ora ad attenderlo ci sarà il processo in cui dovrà difendersi dalle accuse confermate ieri dalla madre di una delle ragazzine adescate tra gli istituti scolastici di Mercatello, la fermata della Metro, il parco del Mercatello e l’oratorio di Sant’Eustacchio.

Le molestie

Il 30enne, a bordo della propria auto, avrebbe adescato studentesse, per abbassarsi i pantaloni e invitarle a salire sulla vettura. Una delle minori fu molestata vicino all’istituto Galilei mentre stava raggiungendo la stazione della metro. Le indagini continuano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sta per aprire "Mizzica": degustazioni siciliane nel centro di Salerno

  • Suicidio a Campagna, 31enne si toglie la vita: comunità a lutto

  • "E' il tuo turno? Non mi interessa: ti ricevo dopo": sgarbo e razzismo all'Asl di San Severino

  • Chiudono le edicole, parlano i giornalai: "Con 800 euro non si può vivere"

  • Furti, danni ed aggressioni davanti ai bimbi, nel negozio salernitano: il grido di aiuto di Ismail

  • Blitz dei Nas in un deposito a Salerno: maxi sequestro di bottiglie d'acqua

Torna su
SalernoToday è in caricamento