"Mi abbasso i pantaloni, sali in auto": atti osceni davanti a scuole e parchi, scarcerato

Ora ad attenderlo ci sarà il processo in cui dovrà difendersi dalle accuse confermate ieri dalla madre di una delle ragazzine

E' stato scarcerato E.V., il 30enne originario dei picentini accusato di atti osceni: ora ad attenderlo ci sarà il processo in cui dovrà difendersi dalle accuse confermate ieri dalla madre di una delle ragazzine adescate tra gli istituti scolastici di Mercatello, la fermata della Metro, il parco del Mercatello e l’oratorio di Sant’Eustacchio.

Le molestie

Il 30enne, a bordo della propria auto, avrebbe adescato studentesse, per abbassarsi i pantaloni e invitarle a salire sulla vettura. Una delle minori fu molestata vicino all’istituto Galilei mentre stava raggiungendo la stazione della metro. Le indagini continuano.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma tra le due Nocera, giovane geometra si toglie la vita

  • Eboli, sequestrata una macelleria: il proprietario tenta di aggredire i carabinieri

  • Ultras Salernitana a lutto: è morto Antonio Liguori

  • Roccadaspide, raccoglie castagne cadute sulla strada: minacciato con un'ascia per il "furto"

  • Settecentomila lettere in partenza dall'Agenzia delle Entrate

  • Allaccio abusivo all'energia elettrica: torna libero il titolare del "Giardino degli Dei"

Torna su
SalernoToday è in caricamento