Centro commerciale La Fabbrica: lavoratori pronti allo sciopero

Rispoli: "La nostra richiesta d’incontro non è stata ascoltata, chiederemo ai clienti di solidarizzare con gli operatori"

Foto archivio

Pronti allo sciopero, gli operatori de La Fabbrica: l’ultimatum è stato lanciato per scongiurare l’ipotesi, ormai concreta, che il già esiguo monte ore (23 settimanali) venga ulteriormente limitato. In campo, al fianco dei dipendenti del centro commerciale che fanno parte (sia del settore pulizia che del settore vigilanza), la Csa Fiadel Salerno, che insieme alla Uil Trasporti ha chiesto un incontro ai vertici della struttura.

La protesta

La convocazione però non c’è stata e, in mancanza di segnali, nella giornata di domani andrà in scena una manifestazione con presidio dinanzi alla sede della prefettura di Salerno, dalle 9 alle 14. La seconda giornata di sciopero è prevista per domenica nella stessa fascia oraria.

Parla Angelo Rispoli, segretario della Csa Fiadel Salerno

Chiederemo ai clienti di solidarizzare con i lavoratori. Ad oggi le richieste d’incontro sono state inevase. Inoltre i lavoratori vantano il saldo dello stipendio di dicembre e la mensilità di gennaio. La riduzione dell’orario farebbe precipitare i dipendenti al di sotto della soglia di sopravvivenza.

Ricordiamo poi la variante urbanistica che fu fatta per dare ricollocazione al personale ex Cotoniere, un impegno anche questo non rispettato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma al Ruggi, ragazza partorisce la figlia e poi muore di tumore

  • Costiera a lutto, è morto prematuramente il maresciallo Perrelli

  • Concorso per OSS a Salerno, annunciate anche oltre 500 assunzioni di medici e amministrativi

  • Maximall di Pontecagnano: arriva "Mondo Convenienza", nuovi posti di lavoro

  • Caso sospetto di Coronavirus a Battipaglia: esito negativo, allarme cessato

  • Colto da malore sull'uscio di casa: muore commerciante a Tramonti

Torna su
SalernoToday è in caricamento