Scontri dopo Nocerina - Paganese: tre arresti, cinque carabinieri feriti

Le violenze hanno avuto origine da un attacco di supporters paganesi in seguito alla gara valevole per la coppa Italia tra Nocerina e Paganese: feriti cinque carabinieri, tre arresti

E' di tre arresti e di cinque carabinieri feriti il bilancio degli scontri scoppiati dopo Nocerina - Paganese nella zona di Santa Chiara, area di confine tra i comuni di Nocera Inferiore e Pagani. A renderlo noto i carabinieri del reparto territoriale nocerino, agli ordini del tenente colonnello Gianfilippo Simoniello. Secondo quanto riferito dai militari un gruppo di supporters paganesi, circa cento persone di cui gran parte con volto travisato e con spranghe in mano, proveniente da via Libroia, ha attaccato il dispositivo di sicurezza delle forze dell'ordine, schierate per evitare che i tifosi paganesi e quelli nocerini entrassero in contatto.

Gli esagitati, riferiscono i carabinieri, hanno dato luogo ad un lancio di oggetti di acciaio, pietre (anche con fionde) e bottiglie di vetro, recuperate dai "supporters" rovesciando delle campane per la raccolta del vetro ed utilizzandone appunto il contenuto nel lancio contro le forze dell'ordine. I facinorosi hanno lanciato inoltre fumogeni e petardi. Inevitabile la carica, con lancio di lacrimogeni, dei carabinieri e degli uomini della polizia di Stato.

Nel corso delle operazioni sono stati tratti in arresto C. F. 25 anni, A. G. 19 anni e P. A. 23 anni: dovranno rispondere di resistenza e violenza a pubblico ufficiale aggravate, lesioni personali, danneggiamento, porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere, lancio di oggetti pericolosi e possesso di fuochi d'artificio in occasione di manifestazioni sportive. I tre sono stati condotti agli arresti domiciliari, a disposizione del'autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto a Salerno, è morta Laura Quaranta: tutti stretti attorno alla famiglia del dottor Della Monica

  • Sospetto caso di Coronavirus a Cava: bimbo al Cotugno, primi test negativi

  • Costiera a lutto, è morto prematuramente il maresciallo Perrelli

  • Caso sospetto di Coronavirus a Ravello, isolato autista: chiuso il pronto soccorso

  • Coronavirus in Campania, De Luca scrive ai presidi: "Annullare le gite"

  • Precipita con l'auto in Costiera: 51enne di Pontecagnano vivo per miracolo

Torna su
SalernoToday è in caricamento