Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca

Finge di eludere i controlli alla stazione, poi torna a scrivere su Fb: "Mi scuso"

A.M.: "Mi dispiace che una goliardata abbia assunto dimensioni tale e sottolineo, per l'ultima volta, semmai ce ne fosse necessità che non sono un untore"

Mi scuso per il contenuto pubblicato in mattinata, si trattava di semplice ironia condivisa, a quanto pare, in un momento difficile. Al momento della condivisione il polverone scaturito non era nemmeno lontanamente prevedibile. Sarcasmo che, con molta probabilità, non è stata colto.

Lo ha scritto sul suo profilo social A.M. che, in questa delicata giornata per il nostro territorio, in un post aveva dichiarato di aver eluso i controlli di forze dell'ordine e dei sanitari contro il Coronavirus, suggerendo poi modalità per imitarlo. Il sindaco ha informato le autorità competenti, auspicando la denuncia del cittadino autore dello scherzo di cattivo gusto.

Il nuovo post

"Ci tengo a precisare (per l'ennesima volta) che sono a Milano e qui resterò fino a che l'epidemia (e la conseguente psicosi) non verrà definitivamente debellata. - continua A.M. - Il fine ultimo del post era prendersi gioco di quei conterranei che, in barba al decreto governativo, hanno iniziato a sospingersi verso Sud mettendo a nudo tutta la propria sconsideratezza, mettendo a rischio contagio in primis i propri congiunti e poi il resto della cittadinanza. In totale disprezzo di coloro che non si attengono alle normative e al buonsenso mi preme augurare buon lavoro alle forze dell'ordine e al personale sanitario della Campania. Mi auguro che questo post venga condiviso e diventi virale, sulla falsariga di quanto inaspettatamente accaduto stamattina. Mi dispiace che una goliardata abbia assunto dimensioni tale e sottolineo, per l'ultima volta, semmai ce ne fosse necessità che non sono un untore", ha concluso il salernitano.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finge di eludere i controlli alla stazione, poi torna a scrivere su Fb: "Mi scuso"

SalernoToday è in caricamento