Secchi d'acqua e imprecazioni: "Torna a casa", ma la vittima è una farmacista

Antonia Grimaldi: "Mi rivolgo alla persona che l’altro giorno mi ha buttato un secchio di acqua addosso per farmi andare a casa, mentre stavo organizzando, davanti alla farmacia, la disinfezione dei locali..."

Mi rivolgo alla persona che l’altro giorno mi ha buttato un secchio di acqua addosso per farmi andare a casa... mentre stavo organizzando,davanti alla farmacia, la disinfezione dei locali lavorativi. Ed anche alla signora che ieri sera ha urlato contro me e mia sorella che tornavamo dal lavoro con le nostre biciclette, ovviamente distanziate: “Andate a casa!”...alle 20,40. 

Come ci piacerebbe stare a casa, poterci proteggere di più!  Invece il nostro ruolo è quello di aiutare, con il nostro lavoro di farmaciste, la salute pubblica. Cerchiamo di dare il massimo con passione e dedizione.

Lo ha scritto la dottoressa Grimaldi della omonima farmacia salernitana. Lascia senza parole, quanto subito dalla farmacista, redarguita ed addirittura aggredita da "cittadini giustizieri" che, in realtà, arrecano a loro volta danni, alla pari di chi trasgredisce le ordinanze in vigore per il contenimento del contagio da Coronavirus.

Lo sfogo di Antonia Grimaldi

Abitiamo distanti dalla farmacia e dobbiamo pur tornare a casa: lo facciamo con la bicicletta evitando di pedalare sotto i balconi per paura che qualcuno ci possa colpire pensando che siamo due irresponsabili. Come è capitato a noi, sarà capitato ad altri ch, come noi, lavorano per l’utenza e per i beni essenziali. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Andrà tutto bene... vero,  meglio rimanere a casa. Per tutti coloro che possono. Forza e coraggio! Passerà! Abbiamo già avuto epidemie, in passato non c’erano tanti mezzi per curare. Oggi ne abbiamo tanti di più, ma quello più importante è quello del buon senso. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lockdown? Arcuri lo boccia, la Campania rinuncia e procede con la didattica a distanza. Chiesti bonus e congedi parentali

  • Covid, nuova ordinanza della Regione Campania: confermate le restrizioni

  • Campania: dietrofront sulla scuola, non riaprono neppure le elementari

  • Covid-19: torna l'autocertificazione in Campania, all'orizzonte un nuovo decreto di Conte

  • Nuovo Dpcm 25 ottobre 2020: stop anticipato a ristoranti-bar, si fermano palestre e cinema

  • Superenalotto, la Dea bendata bacia Salerno: vinti 25mila euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento