rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Cronaca

Assistenza domiciliare a rischio, il Tar affida il servizio al Consorzio Icaro

Il Tribunale Amministrativo Regionale ribalta la sentenza del 6 novembre scorso. Dopo un anno di gestione il servizio viene tolto ad Rti

Stop alle cure domiciliari in città. Una sentenza del Tar del 18 giugno scorso, infatti, ha bloccato il servizio per le prestazioni infermieristiche e riabilitative domiciliari, a seguito di un ricorso presentato dal Consorzio Icaro.  Il servizio era stato affidato dall’Asl Salerno, per tre anni, al Rti (Raggruppamento temporaneo di imprese) costituito da Medicasa Italia di Milano e Magaldi Life di Salerno. Mentre il Consorzio Icaro si era classificato secondo in graduatoria. Ora, però, il tribunale amministrativo ha dichiarato inefficace il contratto con Rti, stabilendo il diritto del Consorzio Icaro di subentrare entro 15 giorno dalla sentenza nel contratto, essendosi aggiudicato la gara. 

La sentenza del Tar arriva dopo che il 6 novembre scorso, la prima sezione del tribunale amministrativo regionale, aveva respinto l'istanza cautelare presentata dal Consorzio Icaro, che chiedeva l'annullamento della delibera del direttore generale dell'Asl di Salerno Antonio Squillante al Tar, che decretava l'assegnazione del servizio ad Rti. La deliberazione n. 788 prevedeva l’affidamento triennale del servizio di “Affidamento delle prestazioni infermieristiche, riabilitative e di aiuto infermieristico e sanitarie per il servizio delle cure domiciliari per l’Asl Salerno”, gara aggiudicata alla Rrt Medicasa Italia S.p.a. di Milano e Magaldi Life  per una spesa annuale di 4milioni di euro circa e per tutta la durata dei tre anni del servizio appunto di  13.178.810,00 euro- Iva esclusa. A distanza di sette mesi è arrivato il ribaltone. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assistenza domiciliare a rischio, il Tar affida il servizio al Consorzio Icaro

SalernoToday è in caricamento