menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sequestro

Il sequestro

Eboli: maxi sequestro di una discarica abusiva con oltre 150.000 kg di rifiuti

La Capitaneria di Porto di Salerno, insieme ai volontari della associazione ambientalista Kronos, ha eseguito una importante attività finalizzata alla repressione degli illeciti di natura ambientale

Importante operazione contro gli illeciti ambientali, quella conclusa dalla Capitaneria di Porto di Salerno, con i volontari della associazione ambientalista Kronos. Ad Eboli, infatti, è stata trovata una maxi discarica di rifiuti speciali. I militari della Guardia Costiera nel monitorare il territorio, insieme ai volontari ambientalisti, hanno accertato la presenza di una immensa area, estesa per oltre 2.500 mq., illecitamente adibita a discarica abusiva.

 

La discarica è stata interamente realizzata su di un’area appartenente al Demanio dello Stato del Ramo Bonifiche, ed attigua ad un collettore consortile allacciato ai fiumi Sele e Tusciano. Al suo interno erano stati illecitamente smaltiti rifiuti speciali costituiti, per la maggiore consistenza da oltre cento canalette in cemento in precedenza utilizzate per l’irrigazione, rifiuti plastici e ferrosi, beni durevoli dismessi, inerti edili, fusti di pittura e altro materiale vario, il tutto per una quantità stimata pari a oltre 150.000 Kg. Peraltro, in parte i rifiuti erano stati dati alle fiamme e, alcuni di essi, erano precipitati lungo l’argine del canale consortile fino a raggiungerne le sponde. I militari della Capitaneria di Porto di Salerno hanno evidenziato la presenza di una grave situazione di pericolo per le matrici ambientali, aggravata dalla circostanza che l’accesso a tale area non era precluso da cancelli o da altre barriere.

Il notevole quantitativo dei rifiuti, ed il loro accumulo avvenuto in modo indiscriminato sino a raggiungere la adiacente strada provinciale, lascia presumere che le attività illecite fossero in corso da anni. L’intera area di 2.500 mq. sui cui insistevano oltre 15.000 Kg di rifiuti è stata sottoposta a sequestro. I militari della Guardia Costiera di Salerno stanno svolgendo accurate indagini finalizzate ad individuare i responsabili della discarica ed i soggetti che hanno illecitamente smaltito i rifiuti speciali. Dei fatti è stata informata anche la competente Autorità Giudiziaria e sono stati provvisoriamente contestati i reati di realizzazione e gestione di discarica abusiva ed invasione ed occupazione di aree appartenenti al Demanio dello Stato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Segnalazioni

Degrado a Salerno: persone rovistano di notte nei rifiuti, la denuncia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento