menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Olevano sul Tusciano: sequestrati 3000 mq di area demaniale, 4 denunce

Il Reparto navale salernitano ha svolto approfondite indagini, mediante l'ausilio di un elicottero della Sezione Aerea di Napoli, con una ricognizione su tutta l'area fluviale

Controlli sul territorio da parte della sezione operativa navale della Guardia di Finanza insieme alla polizia economico- finanziaria disposti dal Reparto Operativo Aeronavale di Napoli: sono stati scoperti degli abusi edilizi nei presso dell'alveo del Fiume Tusciano. La Procura della Repubblica presso il Tribunale, al riguardo, ha delegato il Reparto navale salernitano ad approfondite indagini, che sono state svolte mediante l’ausilio di un elicottero della Sezione Aerea di Napoli, con una ricognizione aerea su tutta l’area fluviale (ricadente nei Comuni di Acerno, Montecorvino Rovella, Olevano sul Tusciano e Battipaglia) , per avere, anche attraverso rilievi fotografici, un quadro completo degli insediamenti posti lungo il corso idrico.

I successivi controlli, svolti anche nel mese in corso con l’ausilio del Tecnico del Comune di Olevano sul Tusciano, hanno consentito di accertare che sulle aree di demanio idrico, per un’estensione di 3.200 mq, insistevano varie opere edili (parcheggi, aree di manovre, frutteti, manufatti e terreni coltivati) realizzate senza autorizzazione. Disposto, dunque, il sequestro di tutte le aree occupate abusivamente: sono finiti nei guai, quindi, i 4 responsabili, denunciati per occupazione abusiva di demanio, danneggiamento e deturpamento ambientale, oltre che per le violazioni in materia urbanistica e paesaggistica.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

social

Dopo il "Zitt!" arriva la festa anche per Raffaele il Vikingo

social

Salerno: apre "Osteria di Pescheria", "Pizzicorio" diventa anche bar

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento