Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Depuratori sequestrati in Costiera: il commento di Legambiente

"Davanti a questo scempio - commenta Buonomo, presidente regionale di Legambiente - la Giunta Regionale deve affrontare seriamente il tema della riorganizzazione dei servizi idrici e dare dei segnali affinché ci sia un definitivo cambio di rotta"

Michele Buonomo

Legambiente è intervenuta in merito alla vicenda dei depuratori sequestrati ad Amalfi e Praiano dalla Capitaneria di Porto di Salerno. "Scaricare liquami nel mare della divina costiera è una vera offesa alla bellezza di quei luoghi che rappresentano il valore aggiunto per l'economia turistica regionale - commenta amaramente Michele Buonomo, presidente di Legabiente Campania - Nella nostra regione ancora una volta emerge l’esigenza di assicurare un’azione istituzionale coordinata e coerente per tutelare il mare e le aree costiere, nonché le importantissime risorse ambientali, turistiche, sociali ed economiche ad esse connesse".

"Davanti a questo scempio - continua - la Giunta Regionale deve affrontare seriamente e con urgenza il tema della riorganizzazione dei servizi idrici e dare dei segnali forti affinché ci sia un definitivo cambio di rotta". Buonomo conclude, poi, ricordando come sul fronte della depurazione grava sull'Italia una procedura di infrazione e come la Campania sia ai primi posti per numero di agglomerati depurativi posti sotto la lente d'ingradimendo dell'Ue.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Depuratori sequestrati in Costiera: il commento di Legambiente

SalernoToday è in caricamento