Maxi discarica nel Parco del Cilento: tra i rifiuti pericolosi, capre e cani malati

Due persone del posto sono state denunciate per reati in materia ambientale e di maltrattamento di animali: nello stesso terreno, infatti, sono stati trovati cani malnutriti e capre non registrate nell’anagrafe

Sequestrata una discarica a cielo aperto nel cuore del Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. I carabinieri hanno scoperto lo scempio in località Manche, vicino Pisciotta. Ben cinquemila metri quadrati di terreno con all’interno centinaia di metri cubi di rifiuti pericolosi, come anticipa il Giornale del Cilento. C’era di tutto: spazzatura di ogni tipo e lastre di amianto nell'area.

Due persone del posto sono state denunciate per reati in materia ambientale e di maltrattamento di animali: nello stesso terreno, infatti, sono stati trovati cani malnutriti e capre non registrate nell’anagrafe dell’Asl. Uno dei tre amici di zampa è morto durante il trasporto al canile di Torre Orsaia. Orrore.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: nuove indicazioni ministeriali in Campania, parlano i sindaci salernitani

  • Lutto a Salerno, è morta Laura Quaranta: tutti stretti attorno alla famiglia del dottor Della Monica

  • Sospetto caso di Coronavirus a Cava: bimbo al Cotugno, primi test negativi

  • Malore per una ragazza asiatica a Salerno, tensione nei pressi del Vestuti

  • "Non comunicano i loro rientri dal Nord": la denuncia dei salernitani e l'appello di un cittadino "autoisolato"

  • Allerta Coronavirus, i sindaci chiudono le scuole: la mappa dei comuni

Torna su
SalernoToday è in caricamento