menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emetteva nell'aria cattivi odori: sequestrata nota tipografia di Siano

La Procura della Repubblica ha emesso un’informazione di garanzia a carico del legale rappresentante della società interessata per le diverse violazioni emerse in base ai reati previsti dal Codice dell’Ambiente

Blitz dei carabinieri del Noe nel comune di Siano dove hanno sequestrato agli impianti produttivi di una nota azienda tipografica del luogo specializzata nella stampa litografica. L’operazione, che ha portato al sequestro preventivo odierno  determinato da un decreto del Gip del Tribunale di Nocera Inferiore, è stata coordinata dal sostituto Procuratore Mafalda Daria Cioncada, della sezione reati ambientali della Procura Nocerina guidata dal Procuratore Capo Amedeo Sessa.

La Procura della Repubblica ha emesso un’informazione di garanzia a carico del legale rappresentante della società interessata per le diverse violazioni emerse in base ai reati previsti dal Codice dell’Ambiente. Quest’ultimo deve rispondere per avere, in particolare, effettuato o comunque consentito l’installazione e messa in esercizio di un impianto per l’ attività di stampa litografica (con l’utilizzo di prodotti quali inchiostri, vernici solventi e diluenti) che produce emissioni in atmosfera, in assenza della prescritta autorizzazione. Inoltre gli viene contestato di avere, omettendo il controllo di tutte le fasi del processo produttivo e/o di adottare adeguate misure necessarie ad evitare l’aumento anche temporaneo dell’inquinamento, cagionato massicce e reiterate emissioni diffuse di esalazioni maleodoranti, atte a sortire effetti molesti e nocivi per le persone. Infine pende su di lui  anche l’accusa di aver esercitato l’attività in assenza del prescritto certificato prevenzione incendi.

Il giudice per le indagini preliminari, pertanto, accogliendo la richiesta del pubblico ministero che ha condiviso le risultanze investigative dei carabinieri, al fine di non consentire il protrarsi o l’aggravarsi del reato, ha ritenuto di disporre il sequestro preventivo della struttura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento