Cronaca Centro / Via Roma

Sanità, De Luca contro la Regione e sull'ospedale di Agropoli: "Uno scandalo"

Il sindaco nel corso della conferenza, fa cenno anche all'interdittiva giunta in Comune: "Chiediamo un po' di efficienza in più alla Prefettura"

De Luca

Confronto e partecipazione per la tutela della sanità del territorio: questo l'appello del sindaco De Luca che, questa mattina, a Palazzo Sant'Agostino, ha tenuto una conferenza sulla delicata tematica. "Chiediamo che prima della definizione dell'atto aziendale ci sia un passaggio in conferenza dei sindaci per acquisire gli orientamenti di programmazione com'é previsto per legge. E poi che ci sia un confronto con gli operatori sanitari e con le organizzazioni sindacali per decidere il da farsi", ha esordito il Primo cittadino.

"E' necessario valorizzare la medicina sul territorio. L'Asl - continua De Luca - pensa di fare l'esatto contrario togliendo risorse ai distretti e spostarle da altre parti. Va, inoltre, integrata in maniera seria sanità privata e sanità pubblica dal momento che abbiamo Comuni nei quali vi sono doppioni che non si reggono più. Senza ideologismi, la sanità privata convenzionata e accreditata deve essere pienamente integrata nella programmazione sanitaria".

Dito puntato contro le mancate sostituzioni ai posti dei pensionati: "Paghiamo più di straordinario di quanto pagheremmo assumendo altro personale". A monte di ogni criticità, secondo De Luca,  i manager scelti per le strutture ospedaliere: "Mi auguro solo che i finti consulenti, ex consiglieri provinciali e altro, se ne vadano a casa perché creano solo disturbo nelle strutture dell'Asl, dove il personale già c'é ed è anche qualificato per esercitare quelle funzioni.Sul piano istituzionale - incalza il sindaco - promuoveremo una serie di iniziative su tutto il territorio salernitano".

"Continuiamo ad assistere ad una Regione impegnata in balletti clientelari che non portano a nulla", ha aggiunto il Primo cittadino che, infine, ha parlato del caso dell'ospedale di Agropoli: "Abbiamo assistito in questi giorni ad una vicenda scandalosa che riguarda il Comune di Agropoli: si i chiude un ospedale dalla sera alla mattina senza garantire un'alternativa di servizio sanitario ai cittadini". Auspica un cambio di rotta con scelte finalizzate alla tutela della salute dei cittadini, dunque, il sindaco.

Non è mancata, nel corso della conferenza stampa, anche una stoccata alla Prefettura di Caserta, in merito all' interdittiva antimafia nei confronti di un'impresa edile, inviata, ieri, al Comune. "Noi ringraziamo la Prefettura per il servizio di vigilanza effettuato e procediamo, com'é nostro dovere, o alla rescissione del contratto o all'interruzione dei pagamenti se il lavoro è già stato fatto - ha detto il sindaco -Abbiamo un solo problema che poniamo: informare i Comuni in maniera tempestiva e per tempo perché a volte arriva un'interdittiva dopo anni, quando l'azienda sta già lavorando. A quel punto che ci fa? Ci vuole, a mio avviso, un po' più di efficenza anche da questo punto di vista. Va benissimo il controllo di legalità, ma facciamolo per tempo", ha concluso De Luca.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, De Luca contro la Regione e sull'ospedale di Agropoli: "Uno scandalo"

SalernoToday è in caricamento