Sita Sud, terzo giorno di protesta: ancora disagi

Quasi 33mila le persone, tra le province di Napoli, Salerno e Avellino, rimaste a terra per l'agitazione dei dipendenti. In programma un incontro con Sergio Vetrella

Autobus della Sita

Fermi quasi tutti i bus dell'azienda Sita Sud e 33mila utenti tra le province di Napoli, Salerno e Avellino appiedati: pesantissimo il bilancio della protesta messa in atto, anche oggi, dai dipendenti della Sita, esasperati per il ritardo nel pagamento degli stipendi. Sulla questione si contrappongono le organizzazioni sindacali e i vertici aziendali. Ma il ritardo nel pagamento degli stipendi non è l'unica "grana" che l'azienda deve fronteggiare: c'è infatti anche la questione dell'adeguamento dei corrispettivi, per cui la Sita Sud è pronta a lasciare la Campania e a lavorare solamente in Puglia e Basilicata. Domani è in programma un incontro tra il direttore della Sita Sud Campania Simone Spinosa e l'assessore regionale ai Trasporti Sergio Vetrella. Il 6 marzo, poi, è previsto un confronto tra organizzazioni sindacali di categoria e l'amministratore delegato dell'azienda, Vinella. Intanto, però, Spinosa non nasconde la sua amarezza: "Siamo pronti a lasciare il servizio in Campania, questa è l'unica regione dove non è possibile programmare nulla".

E spiega anche perché. La Sita Sud assicura il servizio su gomma in Campania, Puglia e Basilica. Solo in Campania copre collegamenti per circa 10 milioni di km; in alcune zone, come la costiera Amalfitana, i cittadini senza i bus della Sita non potrebbero avvalersi di forme di trasporto alternative. "Siamo 462 dipendenti e, me compreso, rischiamo il posto di lavoro - spiega Spinosa - i corrispettivi che ci vengono erogati dai vari enti e dalla regione Campania non coprono i costi di esercizio, la perdita è di circa 9 milioni. Due le fonti di introiti: i ricavi del traffico e il corrispettivo che gli enti appaltanti ci versano in base ai chilometri che copriamo. Ebbene, allo stato attuale abbiamo ritardi di pagamenti: la Provincia di Napoli ci deve pagare i mesi di novembre e dicembre; quella di Avellino il mese di dicembre. La Regione Campania ci deve pagare i mesi di novembre e dicembre. Al momento l'unica provincia in regola è quella di Salerno. Se anche solo la Provincia di Napoli ci pagasse, potremmo pagare gli stipendi e far ritornare attivo il servizio".

Magra consolazione il fatto che la Provincia di Salerno sia in regola: l'azienda è infatti pronta a ritirarsi anche dal territorio salernitano se i corrispettivi non saranno adeguati. C'é, poi, la questione dei tagli, "fortissimi" della Regione Campania alla quale Spinosa chiede questo: "L'obbligo di servizio pubblico, cioé ci pagano per quanto spendiamo. Parlo da imprenditore di un'azienda privata e chiedo perché ogni giorno ci sono delibere sull'Eav e su aziende pubbliche e su noi nulla? - conclude il direttore della Sita Campania - In questa regione non c'é programmazione ecco perché se le cose non dovessero cambiare, lasciamo tutto. Continuiamo a lavorare in Puglia e Basilicata dove si fanno gare con contratti di nove anni e dove è possibile programmare ma ce ne andiamo da questa regione dove si vive alla giornata".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Salerno usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Salerno non è turistica: ha solo la fortuna di essere tra 2 costiere", la amara denuncia di un lettore

  • Caso sospetto di Covid-19 a Salerno, medico del 118 in isolamento

  • Mare con schiuma gialla e meduse morte tra Pontecagnano e Battipaglia

  • Coronavirus, nuovi 10 contagi in Campania: il bollettino

  • Sole, mare e relax per il ministro Luigi Di Maio a Palinuro

  • Tutti a mare a Salerno: nessuno rinuncia ai tuffi, traffico in Costiera

Torna su
SalernoToday è in caricamento