Smaltimento illecito rifiuti, sequestrata azienda zootecnica: denunciato imprenditore

A svolgere l'ispezione sono stati i carabinieri di Borgo Carilia e la Sezione Provinciale di Salerno dell’Associazione Accademia Krnos- Associazione di Protezione Ambientale

L'ispezione

La Sezione Provinciale di Salerno dell’Associazione Accademia Krnos-Associazione di Protezione Ambientale riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, pochi giorni fa, ha svolto una nuova operazione che ha smascherato il titolare di un’azienda zootecnica, il quale, da tempo smaltiva illecitamente i reflui provenienti dalle vasche di stoccaggio dell’insilato nei canali consortili e nei terreni aziendali sotto forma di rigagnoli che lentamente si infiltravano determinando l’inquinamento del suolo.

L'ispezione

I carabinieri e il personale tecnico del Nucleo Guardie Ambientali AK hanno verificato le modalità di gestione degli effluenti zootecnici e dei reflui provenienti dal lavaggio della sala mungitura accertando che parte degli effluenti non venivano intercettati dalle vasche destinate al loro stoccaggio ma venivano illecitamente smaltiti tramite un troppo pieno presente in un pozzetto, mentre per quanto riguardava i fanghi e le acque di lavaggio delle attrezzature presenti nella sala mungitura. L’imprenditore, nonostante utilizzasse prodotti pericolosi per l’ambiente da anni, non è stato in grado di dimostrane il regolare smaltimento, circostanza aggravata dal fatto che in un vicino fondo agricolo sono state rinvenute centinaia di taniche non smaltite.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I militari di Borgo Carillia hanno svolto una accurata ispezione dell’area accertando che i reflui di due enormi vasche  adibite allo stoccaggio degli insilati a causa dell’assenza di un idoneo sistema di raccolta, smaltivano i reflui inquinanti direttamente sul suolo e nel vicino canale consortile. Al termine dell’ispezione, dopo aver controllato la documentazione inerente la gestione dei rifiuti ed aver accertato che anche in questo caso, nonostante l’azienda fosse presente sul territorio da molti anni, non era in grado di dimostrare ne fornire in visione alcun documento utile a verificare secondo quali modalità avesse smaltito i contenitori delle sostanze acide (rifiuti  speciali pericolosi), considerato il diffuso fenomeno di inquinamento presente in azienda,  hanno proceduto al sequestro di alcune strutture aziendali ed alla denuncia all' Autorità Giudiziaria dell’imprenditore agricolo per illecito smaltimento di rifiuti e realizzazione di un deposito incontrollato di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lockdown? Arcuri lo boccia, la Campania rinuncia e procede con la didattica a distanza. Chiesti bonus e congedi parentali

  • Covid-19: torna l'autocertificazione in Campania, all'orizzonte un nuovo decreto di Conte

  • Nuovo Dpcm 25 ottobre 2020: stop anticipato a ristoranti-bar, si fermano palestre e cinema

  • Fisciano, carabiniere si uccide con un colpo di pistola

  • Covid-19 a Battipaglia, 112 casi e 1 decesso. La sindaca Francese: "Ci sono i primi sintomatici, coinvolgere i medici di base"

  • Salerno a lutto: è morta Serena Greco in un incidente a Roma

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento