menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I vigili smentiscono il sequestro delle coperte ai senzatetto, l'iniziativa dei Giovani Comunisti

Non si placano le polemiche sulla vicenda: il coordinamento Giovani Comunisti di Salerno, in particolare, lancia l'hashtag #‎portiamolecoperteaiclochard‬

Ha suscitato aspre critiche, la notizia del sequestro delle coperte ai senzatetto della città da parte degli agenti della Polizia Municipale. A La Città, il comandante dei vigili urbani, Anna Bellobuono ha precisato: "Nel nostro corpo di polizia regna la professionalità che impone, nel lavoro di ogni giorno, una buona dose di sensibilità e umanità. È per questo che i nostri agenti non hanno mia sequestrato coperte ai senzatetto fermati in strada: solo gli eventuali materassi luridi e gli stracci che troviamo negli accampamenti vengono sequestrati", ha concluso.

Ma non si placano le polemiche sulla vicenda: il coordinamento Giovani Comunisti di Salerno, in particolare, lancia l'hashtag #‎portiamolecoperteaiclochard?. "Apprendiamo dai giornali che, ancora una volta, assistiamo a forme repressive nella città delle luci di Salerno. A farne le spese, sono gli ultimi di questa società, i cosiddetti invisibili, che tanto invisibili non sono.Notizia di pochi giorni fa è quella della morte di un clochard, avvenuta al mercatino etnico di Via Vinciprova, per ipotermia (fonte ndr). Quello che ci indigna è il tono che ha usato chi ha ratificato il decesso, ricercando nei dintorni del corpo l’arma del delitto, paragonabile alle investigazioni nella Londra di Jack lo Squartatore. Siamo dell’opinione che l’arma vada ricercata in altri luoghi, nei luoghi dove vengono prese decisioni che condizionano profondamente le nostre vite: il Consiglio Comunale della città di Salerno, che dà mandato ai vigili urbani di effettuare una vera e propria caccia all’uomo contro chi oggi, costretto dalla crisi economica o per scelta di vita, si ritrova all’addiaccio, requisendo l’unica arma contro il gelo: le loro coperte (donate loro da associazioni salernitane e dalla cittadinanza)", hanno scritto in una nota.

 

"Lanciamo, dunque, un gesto di solidarietà e disobbedienza, mettendo a disposizione le nostre sedi (Federazione Provinciale “Mimmo Palo”, sita in Via Gelso, 51 e tutte quelle territoriali) come centri di raccolta di coperte e abiti invernali, gesto non risolutivo del problema dei senzatetto, in una città che sequestra le coperte per decoro e non si pone il problema di risolvere la questione casa e dove si continua a costruire edilizia privata per ingrossare le tasche dei soliti noti palazzinari. Pratichiamo solidarietà, sostituendoci a queste istituzioni, perché per Noi, Giovani Comunisti salernitani, la solidarietà non è solo una parola di 11 lettere, ma una pratica da tramandare", concludono dal coordinamento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento