menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Droga, dieci arresti tra Battipaglia e Picentini

Maxi operazione messa a segno dai carabinieri del comando provinciale di Salerno e dai militari di Battipaglia: dieci persone sono state arrestate per droga su disposizione del gip

Dieci persone sono state arrestate dai carabinieri del reparto operativo del comando provinciale di Salerno, agli ordini del colonnello Fabrizio Parrulli e del tenente colonnello Francesco Merone. Gli arresti sono stati effettuati tra i Picentini e Battipaglia su disposizione del giudice per le indagini preliminari del tribunale di Salerno, su richiesta della DDA della locale procura della Repubblica. L'operazione ha visto l'utilizzo di 80 militari, unità cinofile e un elicottero del nucleo di Pontecagnano. Gli arrestati dovranno rispondere di associazione a delinquere finalizzata al traffico, alla detenzione e allo spaccio di sostanze stupefacenti. Questo l'elenco degli arrestati nell'operazione denominata dagli inquirenti "Indagine Belvedere":

- P. V., 30 anni, nato a Salerno, residente a Battipaglia;

- P. A., 24 anni, nata a Salerno, residente a Battipaglia;

- M. R., 34 anni, nato ad Agropoli, residente a Battipaglia;

- C. M., 33 anni, nato a Montecorvino Rovella ed ivi residente;

- P. R., 25 anni, nato ad Eboli e residente a Battipaglia;

- M. A., 20 anni, nato a Battipaglia, residente a Montecorvino Pugliano, "in atto detenuto";

- P. V., 33 anni, nato e residente a Battipaglia;

- M. R., 30 anni, nato a Battipaglia e residente a Giffoni Valle Piana;

- P. R., 23 anni, nato e residente a Battipaglia;

- A. G., 28 anni, nato a Salerno e residente a Battipaglia.

L’indagine avviata nel febbraio 2010, si legge in una nota dei carabinieri del comando provinciale di Salerno, ha permesso agli inquirenti di far luce su di una organizzazione criminale formata da giovani personaggi battipagliesi in grado di monopolizzare lo spaccio di varie tipologie di stupefacenti (cocaina, hashish e marijuana) sull’intero popoloso quartiere “Belvedere” di Battipaglia.

Il primo indagato è stato P. V., già noto alle forze dell'ordine. In seguito, attraverso l’attento monitoraggio dello stesso, l’indagine fu estesa via via ad altri soggetti a lui facenti capo. Sin dalle prime fasi investigative assumeva un ruolo di primo piano P. A., compagna di P. V. e sua complice.  Le indagini effettuate sulla coppia hanno permesso quindi di ricostruire la loro rete di spaccio di droga, i loro fornitori, i  corrieri nonché i loro principali collaboratori.

I carabinieri hanno quindi scoperto che i due giovani fidanzati avevano come base operativa la propria abitazione, spacciando  prevalentemente nel quartiere Belvedere di Battipaglia ed erano soliti spostarsi in coppia, sia per recarsi agli appuntamenti con i “clienti”, sia per recarsi a fare rifornimento di droga.

Proprio in merito al discorso dell’approvvigionamento, riferiscono i carabinieri, i due potevano contare su vari canali in funzione della tipologia dello stupefacente. I militari hanno quindi individuato il battipagliese P. V. quale fornitore di cocaina e M. A. quale fornitore di hashish. Infine veniva documentato che la coppia si recava diverse volte a Secondigliano, quartiere di Napoli, al fine di acquistare ulteriore stupefacente del tipo marijuana.   

"Finanziatore” dell’attività messa in atto, si legge nella nota dei carabinieri, era l'insospettabile incensurato C. M.; collaboratori e spacciatori erano M. R. e P. R.    

Le indagini a carico di M. A., fornitore di hashish, hanno portato gli inquirenti a scoprire un altro interessante giro di spaccio esistente nel centro di Battipaglia e operato dal pusher, che nonostante la sua tenera età risultava scaltro e astuto e capace di soddisfare le numerose richieste notturne dei giovani frequentatori di bar e locali notturni della zona.

Altra conferma dell’attività delittuosa in argomento è giunta dai vari servizi di osservazione svolti dai carabinieri, che hanno  effettuato numerosi “recuperi” di stupefacente sui diversi assuntori che portavano a vari sequestri di sostanze stupefacenti che hanno portato  alla segnalazione alla prefettura di Salerno di 20 giovani tutti di età compresa tra i 16 e 20 anni, in qualità di assuntori.

In diverse circostanze i carabinieri sono riusciti a identificare i “corrieri” della droga proveniente da Secondigliano, ovvero M. R., P. L. e A. G. di cui la coppia P. V. / P. A. si serviva, spesso in cambio di poche dosi di sostanza stupefacente e del carburante per l’autovettura.

 

 

 

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

social

Dopo il "Zitt!" arriva la festa anche per Raffaele il Vikingo

social

Salerno: apre "Osteria di Pescheria", "Pizzicorio" diventa anche bar

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento