menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Spaccio ad Eboli, otto persone in manette

Maxi operazione antidroga nel comune della piana del Sele: sequestrati 1,6 chili di marijuana e diverse munizioni. Gli spacciatori sono finiti ai domiciliari

Otto persone sono finite agli arresti domiciliari in una maxi operazione antidroga messa a segno ad Eboli dai carabinieri alle prime luci dell'alba. Gli otto provvedimenti, emessi dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Salerno, scaturiscono da indagini avviate nell'estate del 2010 e che hanno permesso di smantellare un importante sodalizio criminale attivo ad Eboli e in alcuni comuni limitrofi della zona degli Alburni e dell'alto Sele, un sodalizio dedito allo spaccio di cocaina, hashish e marijuana.

Settanta carabinieri del comando provinciale di Salerno e della compagnia di Eboli (agli ordini del capitano Alessandro Cisternino e del tenente Francesco Manna) hanno posto agli arresti domiciliari otto persone e sorpreso in flagranza di reato quattro spacciatori. Finiti sotto sequestro 1650 grammi di marijuana mentre sono stati individuati trenta consumatori di sostanze stupefacenti. Nel corso di dieci perquisizioni domiciliari i carabinieri hanno inoltre sequestrato diverse munizioni.

Le indagini svolte dai carabinieri e coordinate dalla procura della Repubblica di Salerno, diretta dal procuratore capo Franco Roberti, hanno permesso di venire a capo di un gruppo criminale costituito da spacciatori che si erano spartiti le piazze individuate ad Eboli, Battipaglia ed in alcuni comuni dell'alto Sele e degli Alburni. Secondo quanto riferito dai carabinieri il gruppo aveva almeno una decina di acquirenti al giorno. Le indagini sono state condotte anche tramite l'utilizzo di intercettazioni telefoniche.

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Salerno: San Matteo ed il Miracolo della Manna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento