rotate-mobile
Cronaca

Venerdì Santo: il Vescovo Bellandi in preghiera dall'ospedale al Duomo, con la Spina Santa di Giffoni

La Spina Santa è stata staccata dalla corona che cinse il capo di Cristo sulla Croce ed è giunta nel cuore dei Monti Picentini nel medioevo

Un Venerdì Santo particolare, quello che attende i salernitani. Dai ben informati, infatti, è emerso che il Vescovo della Diocesi Salerno-Campagna-Acerno, monsignor Andrea Bellandi, porterà all'ospedale (negli spazi esterni ndr) la Reliquia della Sacra Spina di Giffoni Valle Piana e pronuncerà una preghiera per tutti gli ammalati. Poi percorrerà dall'ospedale, le strade di Mercatello, Pastena, Torrione, Corso Garibaldi, via Roma e infine via Duomo: alle 15, è prevista una preghiera nella Cattedrale, nell'ora della morte di Gesù. Bellandi, da solo, chiederà al Signore di liberarci da questa pandemia.

La storia della Sacra Spina

La Sacra Spina è una Reliquie delle più importanti della cristianità e viene conservata a Giffoni Valle Piana, dove è oggetto di un'antica devozione. La Spina Santa, è stata staccata dalla corona che cinse il capo di Cristo sulla Croce ed è giunta nel cuore dei Monti Picentini nel medioevo. Conservata per secoli a Costantinopoli dove l'aveva portata Santa Elena, la corona venne trasferita a Parigi il 2 agosto del 1239 da Luigi IX. Una delle sue spine, alla fine del 300, venne donata da Carlo IV a Leonardo De Rossi che la portò al suo paese natale: Giffoni. Padre Leonardo De Rossi da Giffoni fu una figura notevole della Chiesa del XIV secolo. Francescano, professore dello studio generale di S. Lorenzo Maggiore a Napoli e dell'Università di Cambridge, venne eletto Ministro generale dell'Ordine dei Frati Minori dal capitolo di Tolosa del 1373. Operò durante lo scisma d'occidente e venne nominato Cardinale dall'antipapa Clemente VII, titolo di cui fu poi spogliato da Urbano VI che , anni dopo, lo avrebbe confermato nel cardinalato. La Spina Santa è stata custodita nel convento di San Francesco fino al 1808, anno della sua soppressione, dopo pochi mesi dalla quale venne affidata alla Chiesa dell'Annunziata che la custodisce ancora oggi.


 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Venerdì Santo: il Vescovo Bellandi in preghiera dall'ospedale al Duomo, con la Spina Santa di Giffoni

SalernoToday è in caricamento