menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il centro di accoglienza Cara Bari Palese

Il centro di accoglienza Cara Bari Palese

Aveva violentato una ragazza insieme al "branco": arrestato nigeriano ad Eboli

E' il quinto presunto componente del gruppo che a maggio 2017 avrebbe fatto irruzione in un modulo abitati. Operazione congiunta della Squadra Mobile di Bari con i colleghi di Salerno

La Polizia ha arrestato ad Eboli il quinto presunto componente del gruppo che a maggio 2017 avrebbe fatto irruzione in un modulo abitativo del Cara di Palese, a Bari, bloccando una ragazza nigeriana di 24 anni e costringendola, sotto la minaccia di un'arma da taglio, a subire violenza sessuale. In manette, al termine di un'operazione congiunta della Squadra Mobile di Bari con i colleghi di Salerno, è finito un nigeriano di 21 anni. Lo riporta Bari Today.

I fatti

Il quinto uomo era sfuggito alla cattura ma i poliziotti avevano intensificato le indagini e stretto il cerchio dopo la denuncia di una donna nigeriana. Giunta in Italia e già minacciata di doversi prostituire per ripagare il debito contratto (20mila euro) per affrontare la traversata in mare, era riuscita a sottrarsi alle intimidazioni dei suoi aguzzini e si era rifugiata nella struttura di Bari Palese. Lì, però, ha dovuto subire l'avance di connazionale. Non solo focoso corteggiamento ma subito minacce: una sera, l'uomo l'avrebbe prima minacciata di morte con un coltello e poi, con l'aiuto del "branco" che impediva l'accesso alla camera, l'avrebbe colpita con schiaffi e pugni, poi stuprata. La donna  stata assistita da associazioni di volontariato e ha denuuciato tutto alla Polizia che ha arrestato i cinque uomini, l'ultimo ad Eboli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Segnalazioni

Degrado a Salerno: persone rovistano di notte nei rifiuti, la denuncia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento