menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sub morti nella Grotta di Palinuro: condannato Roberto Navarra

Il tribunale di Vallo della Lucania ha stabilito una condanna a quattro anni di reclusione per il titolare del "Diving Pesciolino". Assolti, invece, i tre istruttori. La tragedia risale al 30 giugno 2012

C’è un solo colpevole per la morte dei quattro sub nella Grotta degli Occhi. Si tratta di Roberto Navarra, titolare del Diving del Pesciolino di Palinuro: la condanna di primo grado a quattro anni di reclusione è stata emessa, nel pomeriggio di ieri, presso il tribunale di Vallo della Lucania. Per lui anche una provvisionale di circa 175mila euro a titolo di risarcimento, oltre a 10mila euro di ammenda e 9mila per le spese processuali. I giudici, invece, hanno assolto “per non aver commesso il fatto” gli altri tre imputati, ossia Stefano D’Avak, Annalisa Lupini e Massimo Sebastiani, istruttori della scuola romana Big Blu. Alla società Diving & Divers Srl è stata, infine, inflitta una sanzione pecuniaria di 77.400 euro e l’interdizione per un anno dall’attività.

Il dramma risale al 30 giugno del 2012. Durante l’immersione persero la vita l’avvocato romano Andrea Pedroni, la guida del Pesciolino Sub Douglas Rizzo e due turisti, Susy Cavaccini di Battipaglia ma da anni residente a Roma, e Panaiotis Telios. I sub persero l’orientamento per il sollevamento di fango nella cavità e morirono asfissiati.   

L'ULTIMA TRAGEDIA IN MARE

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento