menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Tragedia Palinuro, nelle grotte dodici morti dal 1984

La tragedia verificatasi il 30 giugno non è purtroppo la prima nel complesso delle grotte di Palinuro: altre otto persone sono morte in diversi episodi dal 1984

La tragedia verificatasi nella Grotta del Sangue di Palinuro non è purtroppo la prima verificatasi nel complesso speleologico della località marina del comune di Centola. Secondo quanto si apprende dall'ANSA altri incidenti si sono, purtroppo, verificati in passato. L'incidente più grave, sino a quello del 30 giugno 2012, avvenne l' 11 settembre del 1996, quando tre polacchi, Fall Spyrka di 19 anni, Gregorz Sosinka di 21 e Witold Olszowski di 37 anni, persero la vita durante una immersione nella grotta denominata "Scaletta" a Punta Iacco. I loro corpi furono trovati ad una profondità di di circa 45 metri, all' interno di un lungo cunicolo. I tre polacchi, insieme ad altri 32 compagni, facevano parte dell'Accademy Club di Cracovia, una scuola di immersione, ed erano in possesso di patentino. Per tutta la settimana avevano eseguito immersioni, servendosi di gommoni e cartine dei fondali da visitare. Erano stati avvisati dai sub locali della pericolosità delle grotte di Palinuro.

Nel 1984, il 16 agosto, a morire furono due giovani speleologi subacquei friulani, Stefano Modonetti, di 29 anni, e Luigi Savoi, di 28. Stavano esplorando una grotta sottomarina nelle acque della "Cala Fetente" a Palinuro. I due, che facevano parte di un gruppo di speleologi di Udine, avrebbero dovuto esplorare un cunicolo che porta in una grande grotta sottomarina. Per motivi non accertati, però, i due subacquei percorsero per una cinquantina di metri un cunicolo cieco dal quale non riuscirono a tornare indietro.

Il 2 settembre 1998 morirono nei fondali della Grotta Azzurra di Palinuro due subacquei milanesi: Giuseppe Tosi, 30 anni e Maurizio Melon, 44 anni. I loro corpi furono trovati prigionieri nella Camera della Neve, un cunicolo a quasi venti metri di profondità. Il 5 agosto 1994 a perdere la vita nelle grotte di Palinuro fu un altro subacqueo milanese, Mauro Bossi, di 33 anni. Bossi aveva raggiunto con una motobarca, a bordo della quale vi erano anche alcuni amici, la spiaggia del Buondormire e si era tuffato per esplorare le numerose grotte della zona, da cui non è più risalito.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Salerno: San Matteo ed il Miracolo della Manna

social

Turismo, la spiaggia di Santa Teresa su "Lonely Planet": l'annuncio del sindaco

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento