Lavori nell'ex pastificio "Amato" di Salerno: primo via libera del Tar

I giudici amministrativi hanno sospeso il divieto imposto da Rete Ferroviaria Italiana. La società proprietaria dell'immobile ha cambiato il progetto di riqualificazione urbana

La struttura

Il Tar di Salerno dà il via libera ai lavori all’interno dell’ex pastificio “Amato, situato a Mercatello, che erano stati bloccati da Rete Ferroviaria Italiana. I giudici del Tribunale Amministrativo Regionale, infatti, hanno accolto il ricorso presentato dalla società proprietaria dell’area concedendo la sospensiva sul diniego delle Ferrovie a proseguire le opere di ristrutturazione edilizia dell’area. L’udienza nel merito si terrà a metà febbraio. Ma Rfi ha almeno un mese di tempo per emettere un nuovo parere che tenga conto dei rilievi del Tar.

La querelle

Le Ferrovie avevano negato il loro permesso ad aprire il cantiere (necessario in quanto la struttura confina con i binari) perché nell’ex Molino doveva sorgere anche una scuola, ritenuta incompatibile con la vicinanza ai binarie, e perché le nuove costruzione iniziavano entro i 30 metri dalla strada ferrata. I costruttori, quindi, hanno presentato un nuovo progetto: non più una scuola ma uno spazio espisitivo pubblico. Inoltre è stato ridotto il carico insediativo sostituendo uno dei corpi edilizi minori in prossimità della rete ferroviaria con un mero porticato. Ciò, però, non ha convinto gli uffici di Rfi che, per questo, hanno presentato ricorso al Tar.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Morte di Veronica, la Lucarelli contro un giornalista locale: "Era importante specificare che fosse innamorata?"

  • Salerno a lutto, è morto Ciro Di Lorenzo: ora veglierà sulla sua Maria Pia

Torna su
SalernoToday è in caricamento