Cronaca

Il Tar di Salerno riapre le Fonderie Pisano: incognita delocalizzazione

I giudici hanno accolto il ricorso presentato dai legati della proprietà che aveva chiesto la sospensione degli effetti dei provvedimenti regionali di revoca dell’Aia e della Via

Colpo di scena: la seconda sezione del Tribunale Amministrativo Regionale di Salerno ha accolto il ricorso presentato dalla proprietà delle Fonderie Pisano, che aveva chiesto la sospensione degli effetti dei provvedimenti regionali di revoca dell’Aia (Autorizzazione integrata ambientale ) e della Via (Valutazione di Impatto Ambientale).

Lo scenario

Da domani, quindi, i centodieci operai dello storico opificio di via Dei Greci potranno tornare a lavorare. Resta ancora da capire quale sarà il futuro della fabbrica dopo la protesta del Comune di Buccino contro la sua delocalizzazione nell’Area del Cratere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Tar di Salerno riapre le Fonderie Pisano: incognita delocalizzazione

SalernoToday è in caricamento