rotate-mobile
Sabato, 13 Agosto 2022
Cronaca Irno / Via Leonino Vinciprova

Terminal bus in via Vinciprova, residenti sul piede di guerra: "Non se ne parla"

Esplode la polemica per il trasferimento da via Linea. Celano (Fi): "L’amministrazione comunale sospenda immediatamente la sciagurata determinazione e proceda ad individuare aree maggiormente idonee a fungere da capolinea dei bus in città"

Residenti sul piede di guerra in via Vinciprova, a Salerno, dove l’amministrazione comunale starebbe pensando nuovamente di spostare il terminal bus attualmente ubicato in via Ligea. Una decisione che, inizialmente, era stata sospesa ma che, nelle ultime ore, è tornata a girare negli uffici di Palazzo di Città.  I cittadini di via Vinciprova sono totalmente contrari anche perché, da qualche anno, già esiste un terminal bus che ospita i mezzi sia di Busitalia che della Sita, che – sostengono – “ci ha già tolto numerosi posti auto”. Non solo. Ma sarebbero aumentati, inevitabilmente, anche l’inquinamento ambientale e i sinistri stradali. 

La polemica 

Il caso del terminal bus in via Vinciprova diventa anche politico, grazie all'interessamento dell'ex consigliere circoscrizionale l'ingegnere Alessio Leone. “E’ improponibile,  le rimostranze di residenti e di operatori economici della zona sono assolutamente condivisibili” dichiara il capogruppo di Forza Italia Roberto Celano che ricorda: “L’amministrazione comunale, sollecitata da numerosi consiglieri nel corso di un’adunanza della Commissione Trasparenza Presieduta dall’avvocato Antonio Cammarota tenutasi a febbraio, aveva ritenuto di sospendere la decisione, impegnandosi a riconsiderarla. Terminate le elezioni, senza indugio, appare invece procedersi nella direzione inizialmente individuata e non dare ascolto ai cittadini di una zona popolosa, evidentemente illusi solo nella fase pre-elettorale. Lo spostamento del capolinea in via Vinciprova priverebbe, infatti, la zona di parcheggi che servono non solo gli utenti degli esercizi commerciali e dei numerosi uffici in zona, ma anche gli operatori della giustizia che quotidianamente frequentano l’adiacente cittadella giudiziaria. Né appaiono trascurabili le conseguenze in termini di inquinamento ambientale ed acustico e di vivibilità che la contestata determinazione avrebbe sui residenti di un quartiere fortemente antropizzato. L’amministrazione comunale sospenda immediatamente la sciagurata determinazione e proceda ad individuare aree maggiormente idonee a fungere da capolinea dei bus in città”. 

Parla di “grave danno per l’economia, l’ambiente, che nessuno vuole, e quindi demenziale” il capogruppo de La Nostra Libertà Antonio Cammarota,  il quale ricorda proprio come “esattamente il 6 marzo del 2019 la commissione trasparenza, dopo aver ascoltato su mio invito i cittadini di via Porto e di via Vinciprova, deliberò  all’unanimità di ridiscutere i presupposti della delibera di GM 51/20 che consegnava via Vinciprova a terminal bus spostandolo da Via Ligea”. “Entrambi i quartieri erano contrari allo spostamento”, ricorda Cammarota, “sia i cittadini dell’area porto, che denunciavano lo svuotamento sociale e urbanistico dell’antica città del mare in favore dei servizi portuali, sia quelli di via Vinciprova, che lamentavano la ulteriore privazione dei parcheggi e problemi ambientali in una zona senza respiro già penalizzata da tempo, e se si voleva il terminal vicino alla stazione v’era l’area retrostante al Grand Hotel Salerno e la Piazza Unità D’Italia”. “Non ci sono fatti nuovi che giustifichino la scelta - conclude Cammarota - per cui la vicenda verrà nuovamente trattata in Commissione Trasparenza, pur con le difficoltà covid che impediscono di fatto le audizioni dei cittadini”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terminal bus in via Vinciprova, residenti sul piede di guerra: "Non se ne parla"

SalernoToday è in caricamento