"Terra Mia non è un Paese di Santi" da Salerno al Senato

La pellicola, da poco premiata alla 73° edizione del Festival Internazionale del Cinema di Salerno come “miglior documentario”, verrà proiettata nella Sala Caduti di Nassirya di Palazzo Madama alla presenza dei protagonisti e di ospiti d’eccellenza

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Il Docufilm contro la criminalità organizzata, firmato Ambrogio Crespi,Terra Mia, non è un Paese di Santi arriva al Senato della Repubblica giovedì 5 dicembre 2019, alle ore 16 e 30, per l’anteprima nazionale. La pellicola, da poco premiata alla 73° edizione del Festival Internazionale del Cinema di Salerno come “miglior documentario”, verrà proiettata nella Sala Caduti di Nassirya di Palazzo Madama alla presenza dei protagonisti e di ospiti d’eccellenza.  Alla conferenza stampa saranno presenti oltre al regista Ambrogio Crespila Senatrice Anna Maria Bernini (Capogruppo al Senato di Forza Italia), Luca Ciriani (Capogruppo al Senato di Fratelli d’Italia e componente della Commissione Antimafia e Commissione Giustizia), Gennaro Migliore (Parlamentare Italia Viva e già sottosegretario alla Giustizia), Piero De Luca(Parlamentare Pd), ed i protagonisti del film: Benedetto Zoccola(testimone di Giustizia), Michele Inserra (giornalista d’inchiesta) e Don Luigi Merola (parroco anticamorra, consulente della Commissione Antimafia).

“Terra Mia, non è un Paese per Santi” parte dai fatti di malavita del Comune calabrese San Luca e racconta la risposta dello Stato alla piaga della criminalità organizzata, alla camorra, alla ndrangheta e alla mafia. Un racconto di denuncia e di speranza per il futuro che ha ottenuto il riconoscimento del pubblico e della critica.  Il film è prodotto da Index Production srl e Proger S.p.A. 

Tra gli altri protagonistiKlaus Davila “preside coraggio” della scuola di San Luca Mimma CacciatoreGaetano Saffiotitestimone di Giustiziail comandante dei Carabinieri Cosimo Sframeli e poi ancora Luciana Careri, fidanzata del carabiniereCarmine Tripodi ucciso dall’Ndrangheta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento