Terremoti, Legambiente: "In Campania 5 milioni di persone in comuni a rischio"

Secondo un rapporto dell'associazione ambientalista campana sono oltre 5 milioni le persone che risiedono in comuni ad elevato rischio sismico. Michele Buonomo: "Servono prevenzione ed informazione". Aiuti all'Emilia Romagna

"Sono oltre 5 milioni (91%) le persone che risiedono in comuni della Campania ad elevato rischio sismico, circa 2 milioni, invece, sono le abitazioni in aree ad elevato rischio e oltre 4600 edifici scolastici esistenti in aree potenzialmente a rischio": è quanto rende noto Legambiente Campania, che ha elaborato i dati contenuti in uno studio del Consiglio Nazionale Geologi sul rischio sismico in Campania prodotto sulla base di dati Istat e Protezione Civile.

Nel rapporto stilato da Legambiente viene anche sottolineato che vive in presenza di un elevato rischio sismico il 91% (5.318.763) del totale dei cittadini dei comuni della Campania. In altre parole, sono 1.907.800 le famiglie residenti in aree potenzialmente ad elevato rischio sismico. Tra le province emerge quella di Napoli dove risiedono 2.800.000 abitanti corrispondenti a 989mila famiglie, potenzialmente esposte ad un elevato rischio. In Campania - prosegue una nota di Legambiente - sono 866mila gli edifici (90% del totale) esistenti nelle aree potenzialmente ad elevato rischio sismico ed oltre 2 milioni (88% del totale) le abitazioni esistenti in aree ad elevato rischio. Inoltre sono 4.608 gli edifici scolastici pari all'88% del totale esistenti nelle aree potenzialmente ad elevato rischio sismico mentre sono 259 gli edifici ospedalieri pari all'88% del totale".

"In Marocco - commenta Michele Buonomo, presidente Legambiente Campania - ci sono più geologi negli enti pubblici di quanti ne siano in quelli italiani, mentre in Francia c'é proprio la figura del geologo comunale. Eppure il nostro Paese é a rischio sismico e idrogeologico. Nella sola Campania sono ben 1.108.000 le persone che vivono in aree ad elevato rischio idrogeologico. La prevenzione deve diventare la priorità di questo paese e della nostra regione, dove ad un territorio in gran parte a grave rischio sismico corrisponde un patrimonio edilizio del tutto inadeguato. E' necessario mettere in campo le misure necessarie per avviare un grande piano di consolidamento e miglioramento sismico degli edifici pubblici e privati".

"Come Legambiente, nei mesi scorsi - prosegue Buonomo - abbiamo sottoscritto un'intesa con l'Ordine dei Geologi della Campania per promuovere in sinergia l'attuazione di attività ed interventi necessari a salvaguardare l'incolumità dei cittadini campani che vivono in aree ad alta criticità idrogeologica e sismica nonché la definizione delle più efficaci strategie di contrasto della problematica, attraverso la realizzazione di attività di informazione, formazione, sensibilizzazione, supporto, accompagnamento, da svolgersi in favore degli enti locali, dei gruppi di protezione civile, dei cittadini".

Legambiente Campania ha promosso nei giorni scorsi una rete di gemellaggi per aiutare i comuni terremotati dell'Emilia Romagna. "L'idea - conclude il presidente regionale dell'associazione del cigno - è di chiedere ai sindaci delle amministrazioni emiliane di dire ciò di cui hanno bisogno e parallelamente domandare ai comuni della nostra regione cosa sono disposti ad offrire per aiutare le comunità terremotate. Ciò permetterebbe di incrociare bisogni mirati con offerte certe attraverso un meccanismo semplice di gemellaggio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una proposta che è stata già accolta da molte piccole amministrazioni, come Pollica e Buccino (in provincia di Salerno), Frigento (Avellino), San Marco dei Cavoti (Benevento) che si stanno attivando per offrire aiuti concreti come raccolta fondi, mettere a disposizione servizi e personale tecnico, maestranze locali finalizzate a opere di ristrutturazione oppure dare ospitalità estiva.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Posticipato l'inizio della scuola in 12 comuni salernitani, l'elenco si allunga

  • Covid-19: tra ieri e oggi 24 nuovi casi nel salernitano, contagio a Campagna

  • Covid-19: 195 nuovi contagi di cui 21 casi di rientro, coppia positiva a Campagna

  • Contagi Covid in aumento, parla De Luca: "Ondata pericolosa in autunno"

  • Covid-19, cinque casi nel comune di Serre. Il sindaco: "Uscite solo se necessario"

  • Blitz antidroga a Scafati: 23 persone in carcere, 13 ai domiciliari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento