Terremoto, 38 anni fa il sisma che devastò la Campania: si spengono le Luci

Alle ore 19.34 si spegneranno per un minuto le Luci di piazza Flavio Gioia, in occasione del 38° anniversario del terremoto in Irpinia

Sono trascorsi 38 anni da quel tragico giorno che ha lasciato cicatrici indelebili nei cuori e nelle menti dei cittadini. Per rendere omaggio alle  vittime del drammatico sisma in Irpinia che, il 23 novembre del 1980, scosse e devastò l'intera Campania, il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli, su sollecitazione dei consiglieri comunali, ha disposto lo spegnimento simbolico, per 1 minuto, delle Luci d'Artista in piazza Flavio Gioia. Per non dimenticare quei 90 secondi lunghissimi che seminarono morte e distruzione: violentissima la scossa con ipocentro tra le province di Salerno e Avellino (distretto sismico dell'Irpinia), del decimo grado della scala Mercalli (6,5 - 6,9 della scala Richter) che fece tremare tre regioni e 687 comuni. Di questi ultimi, 37 "disastrati", 314 "gravemente danneggiati" e 336 "danneggiati": 542 in Campania, 131 in Basilicata e 14 in Puglia. Quasi 3mila i morti, oltre 280mila gli sfollati, quasi 9mila i feriti.

In provincia di Salerno

In provincia di Salerno furono numerosi i comuni colpiti: tra quelli dichiarati "disastrati", ossia i più colpiti dal sisma, Castelnuovo di Conza, Laviano, Colliano, Ricigliano, Romagnano al Monte, Salvitelle, San Gregorio Magno, Santomenna, Valva. Tutti comuni situati a nord est della provincia di Salerno, al confine con il territorio della provincia di Avellino e della provincia di Potenza (Basilicata). Le vittime furono, in totale, oltre 500.
 

La lettera

Intanto, sentito, il pensiero di Don Marco  Russo, direttore della Caritas di Salerno che ha inteso ricordare con una lettera il terribile sisma. Di seguito, il  testo scritto da don Marco:

Oggi 23 novembre 2018 0ggi 23 novembre 1980. 38 anni dal terremoto

Avrei voluto ma… mi affido a Te
Ai miei amici che furono e che sono, alle ferite mai sanate, alla gioia che hai condiviso con me malgrado… oggi voglio ricordare e far memoria. Continuo dopo tanti anni a parlare a un amico immaginario ma non troppo, al sole che splende ogni giorno, alla luna che rischiara la notte, al fiore che ogni giorno si apre alla luce del mattino, al pianto di un bimbo, al sorriso di una madre, alla lacrima che bagna il volto, al silenzio che ti rimanda la voce del tuo cuore…
Scrivevo ieri ma ricordo oggi. Lo so, tenersi tutto dentro mentre fuori succede il finimondo non è mai la soluzione giusta, eppur gli amici o presunti tali, mi dicono che vale proprio la pena tenersi dentro le cose, tanto non cambia nulla, anzi sei fastidioso. 

Solo che ho pensato: no, non posso, si tratta di una cosa troppo grande, di uomini e donne che per me vogliono dire molto, soprattutto, se non potranno mai parlare. Ho deciso che no, non mi tengo dentro tutto e scrivo. Lo so, rinnovare nella memoria il tempo, i volti, le immagini aprono no squarcio, ma poter raccontare le cose, ancora, tutto ciò che sta succedendo di bello e anche di  brutto, perché ho capito che ciò che è brutto ci rinforza e ci fa andare avanti con più forza di prima, e ciò che è bello ci apre il cuore e invoglia al buonumore  anche gli altri. Sembra strano, ma quando credi di non aver niente da dire a una persona e poi ti accorgi di non poterle dire più niente, improvvisamente ti tornano in mente mille cose  che non puoi più tirare fuori.  Le devi tenere lì, da qualche parte, sperando che alla fine possano uscire. Si spera di avere tempo. E invece no. E accade che le cose che potevi godere, quelle che potevi amare e quelle che potevi correggere non ci sono più; non c’è più  tempo, non ti è più dato tempo. Guardando non troppo lontano mi fa capire che saperti lì, saperti presente, che ci sei per tutti e ci ascolti ogni volta che ne abbiamo bisogno, ci rasserena e ci  rende più forti.

Quante volte mi sono trovato a fare promesse o gridare parole al vento, frasi senza senso, battute che ti ritornano addosso; chi non avrà mai pensato guardando gli  anni di una persona cara: ci metterei la firma per arrivare alla tua età; come te, e sappilo: sto ancora cercando questo benedetto foglio da firmare. Quante volte abbiamo pensato che forse la cosa migliore da fare è star qui, aspettare, piangere se c'è da piangere, ma è solo una pausa, un momento per prendere fiato,  e con quanto vissuto e sperimentato riprendere il cammino. 
A volte ci ritroviamo a piangere su ciò che è già passato. Però sempre carico di pazienza e pronto a vivere un altro giorno. Chi lo avrebbe immaginato. Tanti diranno io sì; io mi sento di dire no, non avrei mai immaginato un mondo da me abitato dove il benessere non ci sarebbe stato per  tutti, niente lavoro per tutti, una casa per tutti, tutti con quanto di più si poteva immaginare. Siamo arrivati ad avere due telefonini, tre televisori, due macchine,  viaggi, e poi la notizia che non ti aspetti: drastica riduzione di personale... la crisi della Fiat… e la vendita di armi… la guerra… tutte queste cose messe insieme  danno un solo risultato: crisi, profonda crisi, cui si aggiunge il dispiacere per la presenza nella lista di molti amici che resteranno a casa. Domande che da qualche tempo mi pongo e che non hanno, a oggi, una risposta:

Come potranno continuare a vivere le famiglie con il mutuo contratto, quei tantissimi che hanno creduto in questo benessere inesauribile? Perché un lavoratore dovrebbe  oggi decidere di lavorare con una ditta a rischio di chiusura per mancanza di risorse economiche? La crisi che morde e il cambiamento dello scenario globale con l’avvento di un mondo nuovo che chiede spazio, che rivendica benessere…
Potrei finire dicendo che tutto questo è molto deludente, vedere la grande Illusione Italiana, Europea, Mondiale ridotta in questo modo, in uno stato che, nonostante la mia intuizione di 38 anni fa, non avrei mai immaginato. Potrei, mi ripeto, ma altrettanto cerco di dare una risposta: non posso pensare che tutto questo sia l’uomo, no, non posso pensare che l’uomo possa fermarsi,  arrendersi; no, non posso pensare che questo sia l’uomo che il Signore dei Signori è venuto a salvare.

“Mi hai chiamato, hai gridato, hai infranto la mia sordità. Mi hai abbagliato, mi hai folgorato, e hai finalmente guarito la mia cecità. Hai alitato su di me il tuo  profumo ed io l'ho respirato, e ora anelo a te. Ti ho gustato e ora ho fame e sete di te. Mi hai toccato e ora ardo dal desiderio di conseguire la tua pace” scriveva  Sant'Agostino nelle sue "Confessioni". Quanto accaduto ad Agostino possa essere l’augurio da fare all’umanità intera, che l’uomo torni a Dio, che gusti la sua presenza e ne possa sentire sempre fame e sete.  Ritornando a Dio, l’uomo ritornerà a essere quell’immagine molto buona che Dio impresse in lui nell’atto creativo, e il cristiano vivendo in comunione s’impegna  affinché a nessuno possa mancare il necessario. Ho condiviso, ho di nuovo versato una lacrima, guardando te, uomo, oggi ti chiedo di non cancellare, non voltare pagina, fai memoria e dai te stesso perché questo  mondo ha bisogno anche di te.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Marco ieri seminarista
Marco oggi Sacerdote e tuo fratello

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, De Luca firma l'ordinanza: movida di nuovo sotto controllo

  • Tromba marina devasta Salerno: alberi sradicati e tegole volanti, paura al "Galiziano"

  • Test sierologici gratuiti per Covid-19 e Epatite C: l'iniziativa a Salerno

  • Dramma a Montecorvino Pugliano, donna si impicca sul balcone di casa

  • Il maltempo mette in ginocchio la provincia: scattano evacuazioni a Sarno

  • Ravello, entra nudo in chiesa e canta "O sole mio": arrivano i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento