menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuovo sbarco di migranti nel porto di Salerno: vertice in Prefettura

L'arrivo è previsto per domani mattina. A bordo della nave anfibia San Giusto della Marina Militare ci sono 1416 migranti

E’ previsto per domani, intorno alle 14, uno nuovo sbarco di migranti nel porto di Salerno. A bordo della nave anfibia San Giusto della Marina Militare ci sono 1416 migranti. I primi 1189 sono stati soccorsi da navi della Marina Militare, dalle unità della Capitaneria di Porto Peluso, Dattilo e altre motovedette minori e da alcune imbarcazioni mercatali intervenute in assistenza. Altri 227 migranti, tra cui 40 donne e 95 minori, sono saliti a bordo dell'anfibia dopo essere stati soccorsi nella serata di ieri dalla fregata Aliseo. Già allertate le forze dell’ordine, la Protezione Civile e le associazioni di volontariato. Alle alle 12 di oggi si è svolto un vertice in Prefettura per pianificare l’accoglienza dei migranti. E’ il terzo sbarco dalla data del 10 luglio quando la nave Etna fece tappa nel capoluogo con i primi 1100 migranti ai quali si aggiunsero qualche settimana oltre il doppio.

Le reazioni

La Cgil di Salerno e della Campania anche domani si faranno trovare pronte per fornire supporto e assistenza alle Forze dell’Ordine durante le operazioni di sbarco dei circa 1200 migranti attesi al porto cittadino. Ancora una volta saremo lì con i nostri mediatori culturali, pronti ad andare incontro alle esigenze di chi arriva nel nostro Paese in cerca di rifugio ed accoglienza".  Così Franco Tavella, segretario generale Cgil Campania. "Fermo restando la solidarietà che indiscutibilmente si deve offrire - sottolinea Tavella - siamo al terzo sbarco nel giro di poco più di un mese. Salerno e il suo porto, attualmente, non sono purtroppo in grado di reggere questi flussi per evidenti ed oggettive carenze strutturali. Lo scalo salernitano è troppo piccolo per sostenere questi ritmi ed il territorio non offre strutture adeguate per accogliere dignitosamente uomini, donne e bambini già tramortiti da viaggi estenuanti".

Per Tavella "è necessario un intervento serio del Governo per trovare una soluzione, di concerto con l'Europa, che salvaguardi i migranti ma anche l'economia e la funzionalità dello scalo salernitano. Ecco perché - conclude - il prossimo 14 agosto, in occasione della visita a Napoli del Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, sottolineeremo ancora una volta le difficoltà in cui versano il Mezzogiorno ed in particolare la Campania, regione che non può più sopportare una sommatoria tanto grave di emergenze".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Punta Campanella: avvistato un esemplare di balena grigia

  • social

    Laureana Cilento, consiglieri donano fiori alle piazze del paese

  • social

    Lotto tecnico, continuano le vincite: ecco i nuovi numeri

Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento