The Space Cinema, buio in sala contro i tagli al personale

Anche a Salerno le segreterie di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil hanno proclamato per i giorni di oggi, 31 agosto, e per il week-end che inizia domani, 1 e 2 settembre, una massiccia mobilitazione

Al via lo sciopero dei lavoratori al cinema The Space Salerno: si parte oggi alle 19 e si continua nel week-end all’interno della struttura di viale Antonio Bandiera. Buio in sala, infatti, contro i tagli al personale: nell’ambito delle iniziative nazionali di mobilitazione contro i licenziamenti individuali già effettuati nelle strutture di proprietà della società, anche a Salerno le segreterie di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil hanno proclamato una massiccia mobilitazione.

Le date

Lo sciopero sarà così strutturato: oggi venerdì 31 agosto dalle 19 alle 20 e dalle 21.30 alle 22.30. Domani sabato 1 settembre dalle 19 alle 20 e dalle 21.30 alle 22.30. Domenica 2 settembre, invece, l’astensione dal lavoro si terrà dalle 17 alle 18 e dalle 21.30 alle ore 22.30. A Salerno sono stati licenziati quattro lavoratori come ricorda Antonio Abagnara, segretario generale della Fistel Cisl Salerno.

Parla Abagnara

“Continuiamo a ribadire quanto già detto nei giorni scorsi: il gruppo aziendale, adducendo a un seppur comprensibile momento di difficoltà che peraltro è tipico di tutto il settore, ha proceduto a risolvere il problema nella maniera più cinica e sbrigativa possibile, infischiandosene di chi porta avanti quotidianamente con dedizione “la baracca”, ossia le proprie risorse umane, e di chi li rappresenta.  Ciò che lascia sgomenti è anche il modo in cui sono stati trattati i lavoratori licenziati. Il responsabile è arrivato all’improvviso nel cinema di Salerno: ha chiamato le quattro persone interessate, ha consegnato loro la lettera di licenziamento e poi li ha fatti allontanare dal cinema, quasi come se avessero commesso chissà quale nefandezza, incurante della loro storia professionale lunga più di 15 anni e senza aver mai ricevuto alcun richiamo disciplinare. Ecco perché i lavoratori sciopereranno anche a Salerno come a Livorno e Bari. Riteniamo tale comportamento scorretto nella forma ma anche nella sostanza, perché riteniamo che questi licenziamenti individuali, perpetrati in base alle legge Fornero, in realtà siano dei licenziamenti collettivi che dovrebbero seguire, quindi, un altro iter disciplinato. Ma sono stati trasformati, appunto, in licenziamenti individuali attraverso degli artifici societari. Di questo si occuperà, eventualmente, la giustizia ordinaria. In più in tutta questa vicenda si evince chiaramente un attacco frontale al sindacato, in quanto anche a Salerno, come negli altri cinema interessati dai tagli, “casualmente”, è stato licenziato un rappresentante sindacale dei lavoratori, con lo scopo evidente di indebolire la capacità di organizzarsi degli addetti, ignorando in un sol colpo decenni di conquiste di diritti sindacali. E tutto questo, come scritto in una recente lettera aziendale, dovrebbe dimostrare che questa azienda crede in un sano sistema di relazioni sindacali? Confermo anche la volontà, insieme alle altre sigle, di tutelare i lavoratori in ogni sede”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un salernitano in Cina: la testimonianza di Francesco Musto

  • Dramma al Ruggi, ragazza partorisce la figlia e poi muore di tumore

  • Caso sospetto di Coronavirus a Salerno: oggi l'esito dei test, l'ira del web per "l'imprudenza"

  • Lutto a Castellabate, muore il maresciallo dei vigili Vincenzo Cilento

  • Coronavirus, primo caso sospetto a Salerno: paziente trasferito al Cotugno

  • Coronavirus, due ragazze cilentane in quarantena

Torna su
SalernoToday è in caricamento