menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Traffico di monete al porto di Salerno: arrestato ex console egiziano

Due anni dopo il sequestro di circa 23.000 monete antiche e 195 reperti archeologici a bordo di una nave proveniente da Alessandria d'Egitto, gli inquirenti hanno chiuso le indagini intorno ad un vasto traffico di reperti archeologici verso l'Italia

A due anni di distanza dal sequestro di circa 23.000 monete antiche e 195 reperti archeologici a bordo di una nave proveniente da Alessandria d'Egitto - tra cui maschere funerarie in oro, diverse anfore e un sarcofago - avvenuto nel porto di Salerno, gli inquirenti hanno chiuso le indagini intorno ad un vasto traffico di reperti archeologici verso l'Italia. Il procuratore generale egiziano, Ahmed Sadek, ha emesso un ordine di arresto internazionale per l'ex console onorario d'Italia a Luxor, L. O. S.

Tre persone in manette

L'ex console, a conclusione del proprio mandato, non ha più avuto rapporti con la diplomazia italiana. Nell'ambito della stessa inchiesta sono stati arrestati alcuni funzionari egiziani ed è stata perquisita l'abitazione al Cairo del vecchio console. Esperti egiziani hanno identificato i reperti. Provengono da scavi clandestini nella regione di Minya, 250 chilometri a sud del Cairo, dove sono situate catacombe risalenti al tardo periodo faraonico, dal 664 al 332 avanti Cristo. Quest'area ha subito diversi saccheggi dal 2011.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento